La dissoluzione familiare. Il principe e l’incubatrice

by

di Enrico Macioci

[Di che si tratta. * Personaggi, ambientazioni, tempi. * Questo capitolo in Pdf.]

[Ricordo che, essendo questo romanzo assai folto di note, si è provveduto a una doppia impaginazione. Nel Pdf scaricabile le note sono, come nei libri, in calce alle pagine; nel post qui sotto le note, per praticità, sono inframmezzate al testo nel loro luogo d’inserimento, e scritte in corpo minore. gm]

E’ mio figlio” pensa Ham Bank osservando Poppy Bank che lo osserva a propria volta da dentro l’incubatrice trasparente, coi piccoli fori per l’aria sul soffitto e una copertina verde scuro sul fondo. “Ancora una volta sono costretto a misurarmi con l’innegabile componente biologica dell’essere umano, della razza umana cui mio malgrado appartengo” cogita Ham, gli occhi grigi negli occhi grigi del figlio, il figlio che gli somiglia incredibilmente. Fissando l’esserino che lo fissa prono nell’incubatrice, tranquillo, serio, la bocca socchiusa, le pupille all’erta, le mani strette a pugno senza forza o rabbia, senza alcun sentimento che non sia, per adesso, la sorpresa e – in fondo – la gratitudine di esserci, di esistere, di sbarcare in questa valle di lacrime non sapendo ancora trattarsi d’una valle di lacrime;

Anche se forse questa presunzione d’inconsapevolezza affibbiata ai neonati sarebbe da riconsiderare: perché dunque nel venire al mondo piangono tanto? Solo per via delle improbe fatiche del parto e per via della fame e del freddo o del caldo o di qualche precocissima colichetta? O già non rimpiangono invece quel luogo fatato in cui hanno trascorso i loro primi nove mesi conosciuti e conoscibili? E se rim-piangono, non provano dunque la sensazione ben precisa d’aver peggiorato il proprio status, e che il luogo in cui sono sbarcati possa risultare in qualche modo profondamente sbagliato, ontologicamente sbagliato, così sbagliato da indurli a quel loro tipico inesauribile inconsolabile pianto dirotto eccetera eccetera?

fissando questa sua copia in miniatura quieta e paffuta e tersa ad Ham pare quasi di tuffarsi a capofitto in uno scoscendimento temporale vertiginoso, che lo porta giù giù negli anni fin quando anch’egli, appena uscito dalla pancia di Anxiety, appariva esattamente così: un batuffolo inerme di rosa tondo e occhi grigi nuovissimi e qualche rado capello biondo tendente al bianco e edenica purezza; insomma fissando il vecchio

Naturalmente qui l’aggettivo “vecchio” è usato in modo ironico e/o affettuoso. Poppy infatti ha zero anni, zero mesi, zero settimane, zero giorni, zero ore, alcuni minuti e una trascurabile catasta di secondi.

Poppy, Ham carezza le turbinante sensazione di rinascere, di ricodificare il mondo attraverso un se stesso nuovo, intonso, vergine e incorrotto, carezza la sensazione di potersi giocare un’altra chance da capo.
Nemmeno la presenza d’un Fratturatore su una sedia qualche metro alle sue spalle, le gambe distese coi talloni contro il pavimento di linoleum e le forti braccia conserte dentro la divisa bianca a maniche corte che lascia vedere il guizzo plastico dei muscoli, i capelli quasi rasati e colmi di gel che brillano nel neon e l’espressione idiota e cattiva mentre sfoglia un giornale porno, nemmeno il Fratturatore con la sua gommosa mancanza di coscienza, con la sua ingombrante stupidità manganellosa riesce a infastidirlo al punto tale da rinunciare a gustare la voluttà del metafisico (sebbene spurio perché biologico) in azione dinanzi a lui, nell’incubatrice col panno verde scuro sul fondo, in forma di minuscolo umano appena evaso dal Prima, dal misterioso Prima che nessuno sembra sia in grado di rammentare.

Ham ha trascorso moltissime ore chino in una delle stanze buie addette alla riflessione a ponderare sul Prima, specialmente poi negli ultimi mesi una volta saputo ch’era in arrivo un figlio, il quale arrivo metteva in particolare risalto il concetto del Prima. La ponderazione di Ham ebbe un avvio letteralmente selvaggio. Un sera d’inverno Madame Kaos uscì dal bagno dopo aver fatto il test di gravidanza e comunicò radiosa e senza fronzoli a Ham: “Aspettiamo un bambino.”
Ham replicò d’istinto, balzando su dalla poltrona: “E da dove maiviene?”
Madame Kaos, che ben conosceva le pullulanti attitudini speculative del marito, non si scompose e replicò: “Ma viene da noi, HamHam, da dove vuoi che venga? Viene dal tuo sperma che scendendo dolcemente e magicamente dentro di me, scendendo nelle mie cavità più riposte e accoglienti, ha fecondato tramite operosi spermatozoi quel che attendeva in me d’essere fecondato da te e dai tuoi operosi spermatozoi dopo che avevamo fatto una scelta ben precisa a proposito di figli e…”
Questo lo so, cara. Quello che non so e che mi piacerebbe sapere è dove si trovava lui prima.”
“Prima di cosa, HamHam?”
“Prima degli spermatozoi scesi argutamente e opportunamente dentro di te a fecondare gli ovuli in fervida attesa eccetera.”
“Caro il mio Principe Bank” spiegò allora Madame Kaos con la naturalezza del suo adamantino ateismo “prima di tutto ciò lui semplicemente non c’era.”
“Un momento” obiettò Ham, che in parte sfruttava la disputa per allontanare momentaneamente da sé la terribile ansia dovuta al fatto che di lì a poco tempo sarebbe diventato padre, con l’annessa valanga di responsabilità e doveri e pensieri e impedimenti e tempo rubato alle sue attività cerebrali inesauste e ossessive. “Aspetta un momento.”
Madame Kaos sorrise.
“Intendi dire che il piccolino prima non esisteva?”
“Esattamente.”
“Per nulla e in nulla?”
“Nulla.”
“Ma se non esisteva per nulla” s’impuntò Ham “non poteva esistere nulla che lo riguardasse, giusto?”
“Giusto.”
“E allora come spieghi, mia cara Madame, che dentro di noi, nelle nostre teste intendo dire, e fuori di noi, intendo dire nei nostri discorsi articolati in suoni che costituiscono fonemi riconosciuti da un alfabeto internazionale in qualità d’indicatori di cosiddette lettere a loro volta riconosciute da miliardi di persone come capaci, combinandosi fra loro in moltissime maniere, di dare origine alle parole, a moltissime parole che s’agganciano in infinite frasi, di dare origine al linguaggio attraverso il quale comunichiamo ogni nostra pur minima emozione o sentimento o bisogno o desiderio o esigenza o emergenza e ancora indichiamo e individuiamo e interpretiamo e pianifichiamo passato e presente e futuro…”
“Mi sono persa, HamHam.”
“…come spieghi dicevo cara Madame la presenza pressoché costante del piccolo assente – anzi inesistente come l’hai chiamato tu – nei nostri discorsi da parecchi mesi a questa parte, da quando in sostanza decidemmo di dare alla luce un figlio, di moltiplicarci insomma nella maniera che hai descritto tu, come spieghi addirittura la sua presenza nei nostri discorsi da prima ancora che decidessimo di mettere in cantiere un figlio e dunque moltiplicarci tramite operosi spermatozoi e accoglienti stanzette ovulari, come spieghi la sua precocissima presenza concettuale e dunque fonetica e infine materiale sin da quando sostanzialmente ci conoscemmo e ci dicemmo sì, sarebbe bello un domani avere un bambino tu ed io, sarebbe bello moltiplicarci ma davvero bello non è così caro?, sì cara, vero cara?, ebbene sì caro, sarebbe molto bello, sarebbe proprio molto bello che avessimo un figlioletto, sarebbe straordinario, insomma tu cara Madame come me lo spieghi tutto questo?”
“HamHam, tu sai bene che non riesco a seguirti quando parti per la tangente…”
“Quale tangente?”
“La tangenziale?”
“Non m’intendo di geometria.”
“Neanch’io.”
“Né di corruzione.”
“Beh neanch’io. Comunque posso dirti che il bimbo non esisteva se non, appunto, nei pensieri e nelle parole.”
“Insomma tu asserisci che pensieri e parole non sono reali, giusto?”
“Non quanto andare a letto, fare sesso, e realizzare un incontro produttivo fra spermatozoi maschili e ovuli femminili da cui si svilupperà una persona in carne e ossa, da cui cresceranno spine dorsali e vene irrorate e un cuore pulsante e due polmoni e due occhi e orecchie e mani e piedi e gambe e braccia e muscoli. Caro.” Madame cominciò ad alterarsi perché le sembrava che la discussione stesse prendendo una piega troppo tecnica e filosofica anziché concentrarsi sugli aspetti più puramente affettivi ed emozionali vertenti sulla luminosa notizia dell’avvento d’un piccolo frugoletto nella loro vita di coppia.
Ham sospirò. “Poniamo pure mia cara che il tuo ragionamento rasoterra e prettamente, anzi unicamente e spaventosamente materialista e nichilista e consumista – un discorso che non tiene neppure in minimo conto il linguaggio il quale rappresenta pur sempre il tratto distintivo e fondante dell’essere umano nell’universo conosciuto, né tiene conto della dimensione invisibile dell’esistenza che, come tutte le più importanti tradizioni spirituali e sapienziali del pianeta c’insegnano, è assai più importante e decisiva della dimensione visibile…”
“Come puoi affermare che l’invisibile è più importante del visibile?”
“Tu vedi la libertà?”
“No.”
“Ma la aneli.”
“Sì.”
“Tu vedi la pace?”
“No.”
“Ma la aneli.”
“Sì.”
Tu vedi…”
“Alt! Ho capito. Ma tu non vuoi capire invece che per me questi concetti diventano reali solo nel momento in cui si materializzano in fatti concreti, e quindi: la pace la vedo se mai mi stringessi la mano con quella stupida troietta della collega di cui t’ho spesso parlato (ma che tu senz’altro non ricordi già più) che non sopporto almeno quanto lei non sopporta me, ed è stato un fatto incontrovertibile e spontaneo il nostro reciproco non sopportarci sin dall’inizio, sin da quando ci vedemmo per la primissima volta sullo scavo e io indossavo pantaloni della tuta molto larghi e una maglietta sozza di terra e anch’essa larga e lei indossava quella gonna viola fin sopra il ginocchio che anche se lei possiede ahimé belle ginocchia e nel complesso belle gambe con la coscia e il polpaccio sodi e proporzionati su uno scavo archeologico pieno di uomini e specialmente di operai tu capisci bene che è assolutamente fuori luogo una gonna del genere, così come pure i tacchi a spillo o la scollatura a mezzo seno (lei fra l’altro possiede tette grosse sì ma scese fin sulla pancia, fin sull’ombelico le scendono quelle sue tette, e se per caso ingrassa un po’ quelle sue tette si metteranno letteralmente a pulire qualsiasi strada per la quale la troietta si trovi a passare, spazzeranno via anche le cicche e i chewing gum e gli sputi degli ubriachi, gli sputi talmente densi e vischiosi che per grattarli dall’asfalto ci vuole una spatola o addirittura uno scalpello o una salva di martellate), anche se era luglio e c’era un bel sole e un cielo sereno e le piante erano verdi e gli odori erano gradevoli e gli insetti ronzavano fra i cespugli e nelle corolle e gli ormoni erano in pieno risveglio da ambo i sessi ne converrai anche tu che non costituisce una buona idea, un’idea di buon gusto presentarsi su uno scavo archeologico con quasi tutti maschi, e di questi maschi con quasi tutti operai, in gonna corta e tacchi lunghi e scollo abissale e se per caso io e la troietta giungessimo al punto di stringerci la mano trasmettendoci un sentire (un sentire psicofisico bada bene) d’un certo affetto, d’una certa affettività, allora io vedrei materializzata la pace con la troietta (che mai si realizzerà, ne sono certissima); e la libertà invece, per venire al tuo secondo esempio, la vedo se e quando riesco a liberarmi dei molteplici e orrendamente burocratici e pressanti e snervanti impegni lavorativi e/o familiari e/o sociali per prendermi un po’ di tempo tutto mio da dedicare allo shopping o al flamenco o alla lettura d’un buon libro o a una passeggiata in aperta campagna o a quei lavori di cucito che tanto mi piacciono specie se…”
“Tu confondi mezzo e fine, Madame. Ma il fine conta più del mezzo, e il fine non si vede.”
“Il fine non sarebbe possibile raggiungerlo senza il mezzo, e dunque il mezzo viene prima, come importanza, del fine. Che nome potremmo dare a nostro figlio?”
“Ma io prevedevo tali pedanti elucubrazioni tardoilluministico/scientiste da parte tua, ed è per questo che torno alla radice del problema che mi assilla e mi buca l’anima come un succhiello calato dentro il burro da un tipo dotato d’un sadismo notevolmente superiore alla media e ti domando: se davvero lui, il dolce e di-già-per-me-ansiogeno frutto del nostro torrido amore, prima dell’atto sessuale non c’era, il Prima invece c’era?”
Madame Kaos sbuffò. La mancanza di romanticismo del marito le fece salire il sangue al cervello. “Il Prima, come lo chiami tu” avvampò “non è altro che un ennesimo concetto, un’altra assurda invisibilità. E come tale non esiste.”
“Ah sì?”
“Sì. Come lo chiamiamo?”
“Mia cara Madame, tu vuoi bene a tuo padre?”
“Che significa?”
“Vuoi bene al buon vecchio Caverna col suo vocione da basso raffreddato e ficcato a stagionare in una grotta posta al centro della terra e con la bocca piena di catarro e con chili di tosse solida nei polmoni? Di’?”
“Certamente. Lo adoro.”
“E dimmi: tuo padre, il caro vecchio Caverna dal leggendario vocione coi chili di tosse eccetera, insomma lui esisteva prima di te, sì o no?”
Madame Kaos indugiò. Non sapeva bene dove Ham andasse a parare. “Sì, esisteva.”
“E quando lui ti racconta ciò che ha fatto, quello che ha compiuto e insomma le svariatissime cose che gli accaddero prima che tu venissi al mondo, tu gli credi?”
“Certo che sì!”
“Non hai motivo di pensare che menta, che non dica il vero. Che ciò che dice non sia esistito.”
“Certo che no!”
“E quando lui dice – l’ho sentito io con le mie orecchie ripeterlo spesso e volentieri – quando lui dice che tu sei venuta al mondo che avevi già di tuo un tuo carattere ben delineato, che poi era già in nuce quel misto di particolarità e peculiarità e caratteristiche anche in parte odiose e insopportabili ma solo tue che mi hanno portato a innamorarmi perdutamente di te (di concerto alla notevole sinfonia delle tue carnose curve, non dimentichiamolo, io da buon filosofo onnicomprensivo la materia non la trascuro né tralascio mai e poi mai, eh cazzo no), quando il buon vecchio cupo Caverna coi polmoni incrostati di petrolio grezzo dice così tu gli credi o no?”
“Certo che sì!”
“E allora non t’accorgi di credere al Prima?” Ham sorrise a denti stretti.
“Oh, che razza di stronzate…” Madame Kaos divenne furibonda. L’argomento del bimbo in arrivo si stava allontanando in maniera sempre più inesorabile, e il marito la stava trascinando in un gorgo d’argomentazioni confuse e vaghe che a lei non interessavano punto. Il bel volto di Madame Kaos si fece rosso mattone.
Il Principe sorrise ancora, più benevolo. “Il Prima è un mistero. Molto semplicemente, non è possibile ignorare tale mistero se si possegga un minimo di capacità di pensiero serie. E io ce le ho. Ebbene io le posseggo, serie e non un minimo. Proprio no. Ragion per cui mi domando adesso con profondità e serietà e oserei dire accoro, con autentico e tenebroso accoro mi domando in che consista questo Prima nel quale ci troviamo immersi prima di venire qua fra noi, prima ancora intendo dell’utero materno. E mi domando altresì perché non ci sia possibile rammentarlo tale Prima – eccezion fatta per pochi eletti o illuminati come per esempio Osho, il quale raccomandava di non accedere senza un’adeguata preparazione agli stadi del Prima se non si voleva rischiare d’impazzire, adducendo il fatto che il Prima potrebbe scaricare nella nostra povera mente umana (così come noi al momento riusciamo a utilizzarla) troppi per così dire files di materiale appartenente alle vite anteriori, questo intendeva Osho quando affermava…”
“Insomma come vogliamo chiamarlo?” Madame Kaos non figurava più color mattone ma violacea, e ciò indicò al Principe con ragionevole certezza che il tempo delle speculazioni stava scadendo.
Provò tuttavia un’ultima fuga. “Insomma voglio dire, cara Madame, questo bimbo in arrivo è una convenzione che sia nostro figlio, dico bene? Se davvero, come ho pocanzi cognitivamente dimostrato, esiste un Prima imponderabile e irraggiungibile a noi umani, e se lui come appare chiaro proviene da quel Prima, con che diritto noi lo proclamiamo nostro figlio? Eh? Soltanto per una miserabile combinazione di spermi?”
La voce di Madame Kaos adesso somigliava a pezzetti di ghiaccio sputati fuori da un robot programmato per uccidere. “Quella miserabile combinazione di spermi, come la chiami tu, è il risultato, per quanto mi riguarda, di scelte e ponderazioni e sentimenti e scommesse e rischi e coinvolgimento mentale e paura e gioia e un sacco di altre faccende che tu ignori. Così come ignori il fatto che se ho deciso di realizzare la miserabile combinazione di spermi con te è perché ho pensato che ne valesse la pena…”
“Oh Madame…”
“…Così come ignori che in questo momento mi sto amaramente pentendo di aver pensato che fosse una buona idea realizzare con te, col lurido sacco di mondezza teorica che tu sei, la miserabile combinazione di spermi che darà vita a nostro figlio…”
“Ma cara…”
“…Così come ignori che se non la pianti immediatamente di spararti le tue noiosissime seghe mentali sulla questione meravigliosamente importante che presto avremo un figlio, nostro figlio, io ti lascio col culo per terra sul pavimento d’una delle tue sciocche stanze buie a pensare al Prima e al Dopo e al cosmo e al senso e ai significati reconditi e tuo figlio non te lo faccio nemmeno sognare, non te lo faccio nemmeno vedere col binocolo in un giorno di nebbia da dietro una rupe alta come tre torri Eiffel una sull’altra e spessa come la distanza che separa le tue mani da qualsivoglia senso pratico, puttana Eva!”
“Propongo un nome serio” interruppe Ham rassegnato. Già non poteva più fuggire. La vita biologica lo inchiodava e i chiodi erano piantati molto in profondità. “Un nome solenne. Un nome significativo che marchi sin da subito il destino terreno del frugolo” aggiunse Ham, costretto a venire a patti con la realtà che, per quanto uno voglia speculare sul Prima, se ha deciso di far scendere il proprio seme tra le gambe della propria compagna e l’ha fatto, molto probabilmente dovrà affrontare la puntuta concretezza della nascita d’un figlio.
“Che nome?” chiese Madame, già assai rinfrancata.
“Poppy” sparò Ham. Non è che ragionasse molto. Il nome Poppy venne da sé.
“E’ un nome magnifico” commentò Madame allacciando le braccia attorno al collo del marito.
“Per questo l’ho proposto” biascicò Ham.
“Poppy. Il Principino Poppy. Direi che suona benissimo. Il Principino Poppy Bank barra Hammer.” Madame radiava luce da ogni poro, era un autentico faro umano. Madame lumava.
“Poppy Bank barra Hammer. Già.”
E dopo tale complicata conversazione il Principe decise di non parlare più con la moglie del Prima e delle conseguenze metafisiche del fisico avvento d’un pargolo nella loro vita, e continuò a ponderare accanitamente sull’argomento nel buio e nel chiuso delle stanze addette alla riflessione, oppure a discettarne in infiniti sfiancanti dibattiti sovente incomprensibili con San G..

Ma è proprio a questo punto che Ham s’inceppa, che la sua tendenza filosofica prende il sopravvento sulla viva carne del tattile godere, e Ham pensa giustappunto: “Eccola, l’inevitabile componente biologica di noi umani. Somigliare ai propri genitori, assumerne, assorbirne anzi l’aspetto non soltanto nel colore e nella forma, ma persino poi nei modi di fare, agire, parlare e infine interpretare il mondo e l’avventura esistenziale intera, parrebbe la conferma che non possiamo non incarnarci. Che siamo materia fottuta, che per quanto bella o gradevole o addirittura nobile finirà sottoterra o all’inceneritore o in pancia ai vermi, insomma. Non è così Yorick? [Ham simula di tenere in mano un teschio] E’ d’altronde vero che Cristo s’incarnò – e attorno a questa parola m’aggiro come un condor mentalmente minorato gira attorno a un’enorme carogna a disposizione in una savana sterminata e comoda e priva d’altri predatori potenziali rivali del condor minorato mentale nel raggio di duecento miglia, se mi si passa la metafora un po’ prosastica e goffa dovuta al momento emotivamente pesante e mentalmente ottenebrante che ho vissuto e vivo. Ma ripeto che secondo me non saremo davvero liberi, e dunque davvero spirituali, finché non ci saremo affrancati dai maledetti legacci della parentela, i quali iniziano a stringerci come boa inferociti e con la nitroglicerina sulla punta della coda sin nella culla, anzi sin da quando veniamo al mondo con malvagia, prontissima alacrità. I boa inferociti pendono appesi come salsicce sulle nostre culle. Stanno lì ad aspettarci, questi boa-cullanti, queste culle-boanti. Pare quasi alle volte d’udirli ghignare. Portarci appresso un corpo che reca in sé altri corpi che andranno al macello o che sono già andati al macello (non dimentico infatti nonni, bisnonni e trisnonni e zii e prozii e avoli vari eccetera eccetera sin nel cavo più cavo dei tempi), portare dentro di sé, dentro gli occhi, la bocca, i muscoli, le dita, la mente e le cellule gli occhi, la bocca, i muscoli, le dita, la mente e le cellule altrui, le catene di chi ci precede, i pesi infami che tirano giù il mistero dell’uomo su questo pianeta piovuto ove pioviamo. Portarci dentro, già prestabiliti, già stampati, i limiti, le ossessioni, le nevrosi, le fobie, le distorsioni, i modi di vedere e di pensare di chi ci precede senza poter scegliere chi ci precede – per giunta. ” Il piccolo Poppy produce il suo primo rigurgito; dalle nitide labbra già definite e d’un rosso tenue fuoriesce un liquido fra grigio e giallo – chissà cos’è? Il piccolo Poppy fa una smorfia che potrebbe somigliare a un sorriso, se non fosse assolutamente troppo presto perché il piccolo Poppy possa concepire un sorriso inteso con le sfumature emotive cui in genere tale movimento dei muscoli facciali pertiene. “Non saremo mai liberi, ovvero spirituali, ovvero angeli, creature di puro spirito quali in potenza potremmo diventare, finché continueremo a somigliare ai parenti, finché i parenti ci attraverseranno e modelleranno come un ferro caldo traversa e modella la cera, come un corpo riempie un vestito, come una mano entra nel guanto e lo violenta. Sì, violenta” riprende a pensare Ham curvo innanzi all’incubatrice, concentrato, teso, felice ma in agguato su di sé, un arco pronto allo scoccare della freccia, dando le spalle al Fratturatore che si ficca un dito nel naso estraendone pallini verdognoli e perfettamente sferici che appiccica sotto la sedia formando con abilità, poco a poco e pallin pallino, la scritta EVVIVA LA FRATTURA e intanto segue con appassionata ferocia i fumetti porno, una gamba accavallata sull’altra e i talloni contro il pavimento di linoleum, gloriosamente candido nello scroscio impersonale e alienante del neon.

Ham riflette in maniera estemporanea, per un istante, sull’avversione di San G. nei confronti del neon; un’avversione di tali smisurate proporzioni da averlo spinto a scrivere e pubblicare un libro di 486 pagine sull’argomento, intitolato LE PERNICIOSE CONSEGUENZE ANIMICHE SCATURENTI DAI RAGGI AL NEON, OVVERO QUALI E QUANTE NEVRO-PSICOSI E’ POSSIBILE RICONDURRE PIU’ O MENO DIRETTAMENTE AL MACABRO FLUTTO GHIACCIATO.

“Occorrerà liberarsi da questa schiavitù. Ma come? Io non vorrei che Poppy mi somigliasse, pure già mi somiglia. E un domani potrebbe somigliare anche a Madame; potrebbe a un certo punto – è anzi assai probabile che accada – somigliare a tutti e due! Potrebbe diventare un fritto misto umano, una macedonia di lineamenti e colori, un’insalata di fisionomie, curve e spigoli. E se passiamo dal corpo alla mente… Potrebbe essere già imbevuto dei nostri difetti! Potrebbe ereditare la mia coazione a filosofeggiare, per esempio. Un destino terribile, una dannata palla al piede. Oppure la coazione di Madame a scavare.

Madame Kaos è un’archeologa riciclatasi come ballerina di flamenco nei locali della Città e dintorni. Il cambiamento professionale però, dovuto parte al ritiro del Dottor Mehercule dalla soprintendenza parte al macellaiesco taglio governativo dei fondi culturali, non le ha impedito di continuare a coltivare la sua smodata passione per le tombe d’epoca preromana. Ella ha rischiato innumerevoli volte d’essere colta in flagrante nell’atto di scavarne una, in piena notte, alla fioca luce d’una speciale lampada che s’applica sulla fronte e che produce una luminosità verdastra assai efficace. Ha collezionato centinaia e centinaia di teschietti, ossicine e anche e spine dorsali e olle e lance e piatti e pettini e rasoi e pendagli e fibule e denti e chincaglierie d’epoca preromana. E’ sempre scampata ai controlli dei guardiani grazie ai tempestivi avvisi via ricetrasmittente di Mehercule, il quale ha continuato a godere di contatti privilegiati all’interno del periglioso mondo della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali. Mehercule si è precocemente tirato fuori dai giochi a seguito d’una gigantesca indigestione dovuta a un pranzo più che luculliano in un locale assai noto alla periferia della Città, il famoso IMPORCENTE, una gelida sera d’inverno. Il pover’uomo, un gigante barbuto e miope alto oltre due metri e pesante all’incirca duecento chili e dotato d’una barba così folta che per grattarsi le guance ha bisogno d’un rastrello elettrico, in seguito al suddetto pranzo aggiunse un’altra caterva di chilogrammi alla sua già provata costituzione, caterva che si rivelò fatale dal momento che non è più riuscito a smaltirla in alcun modo, nemmeno scalando l’Everest in triciclo e coi pesi alle caviglie, alle ginocchia e ai polsi (una misura impostagli, a rischio della vita medesima, dalla terribile e dispotica moglie DietorElla, un chirurgo di chiara fama e altrettanto chiara crudeltà). La leggenda vuole che in occasione del malaugurato pranzo Mehercule abbia ingerito per antipasto ventiquattro barchette al burro di salmone, ventiquattro canapè al burro di acciughe, quaranta cestini con crema di prosciutto e venti conchiglie d’insalata russa con cetriolini sottaceto, capperi, limone, uovo sodo e maionese; per primo sedici piatti di chitarra al ragù con polpettine annesse e poi cinque chili di bavette alla trasteverina, cinque chili di cannolicchi al basilico, strutto, prezzemolo, aglio e pomodori carnosi, cinque chili di fusilli allegria con polpa di tacchino tritata, fegatini di pollo, marsala, burro e parmigiano, e cinque chili di lavagnette alla lucchese imbottite di ricotta, spinaci, passata di pomodoro, funghi secchi, noce moscata e cannella; per secondo invece Mehercule intese gradire un intero coscione di bue con ancora il pelo attaccato addosso, dieci chili di patate arrosto con stecche di peperoncino africano e due tegami di cipolla nuda e cruda, quarantaquattro pizze fritte ciascuna delle quali farcita con due etti di mortadella e altri due di salame piccante, sei bistecche alla arlesiana con melanzane, crostoni di pane, anellini di cipolla fritta e mozzarella, sei chili di bollito alla pizzaiola con manzo, origano, sale, pepe e carne di piccione e campanello, e sei chili di braciato alla certosina con brodo, acciughe, carne di girello, pancetta di maiale, olio, sale e pepe; e poi ancora il buon Mehercule innaffiò il tutto con sei damigiane di vino rosso e sette di vino bianco, e per dolce piluccò un tiramisù lungo mezzo metro e largo trenta centimetri con sopra una colata di Nutella di venti litri di capacità, e dopo cento africanelle, cinquanta amaretti, quaranta biscotti ai pinoli, cinquanta bocconotti alla ricotta e venticinque bonbons all’arancia, e per finire digerì con duecentosei bicchierini di amaro e centotrenta tazzine di caffé alla sambuca insaporito da piccoli macigni di zucchero. Mehercule ha giustificato una tale immonda esagerazione alimentare col tentativo di lenire il profondo dolore arrecatogli dall’aver smarrito un film di guerra in bianco e nero, russo con sottotitoli boemi, che conservava sin da fanciullo dacché il nonno glielo aveva regalato poco prima di morire, oramai introvabile e dall’evocativo titolo I CARRIARMATI PESANO PIU’ DEI PETALI DI ROSA.
Ma attribuire alla disavventura bulimica di Mehercule e alle terzomondiste sforbiciate cultural/governative l’intera responsabilità del cambiamento professionale di Madame Kaos sarebbe ingeneroso e riduttivo. La realtà è che la vita di Madame sguazza felice nel caos (ragion per cui le cosiddette voci di corridoio sostengono che il nome che le è stato dato non sia stato dato a caso, ma per l’appunto a caos). Al contrario del marito Madame non sviscera, non si pone domande, non tenta di mettere ordine. Madame avanza a braccio. La sua brutalità metafisica è pari al suo spiccato senso pratico e alla sua assenza di programmazione, che però non equivale a fantasia bensì a pura e incontaminata voglia di fare. Potremmo affermare che soltanto una donna così ferinamente materiale avrebbe potuto sposare un uomo così insopportabilmente immateriale come Ham – e viceversa; tant’è che quando si sposarono San G. inviò ad Ham un bigliettino d’auguri raffigurante un palloncino tenuto a terra da un peso di piombo da due chilogrammi con la seguente didascalia: TU SEI IL PALLONCINO, NATURALMENTE. BUONA PIOMBATA. SAN G..
La camera da letto di Madame è una spaventosa accozzaglia degli oggetti più disparati, cosicché può accadere ch’ella dorma senza accorgersene ritta dentro l’armadio e che sul letto al posto suo giacciano i vestiti (numerosissimi, Madame difatti è alquanto vanitosa) destinati a riempire l’armadio. Madame possiede inoltre moltissime scarpe, ragion per cui può capitare che ne cuocia di tanto in tanto un paio nel forno assieme al pollo o al brasato di manzo o addirittura ficcandoci dentro le patate, o che ne scaldi un altro paio al microonde coi sofficini. Le quasi infinite borse di Madame infestano l’intero appartamento, appese ai lampadari, ai vasi, ai mobili, alle maniglie oppure gettate nel camino dove a volte subiscono il triste (per quanto involontario) destino del rogo. E i reggiseno di Madame sono stati utilizzati alle volte a mo’ di tazze (le quali tazze si trovavano magari in lavatrice o nel cesto dei panni sporchi) per bere latte e cereali la mattina a colazione. Tale fenomeno di cronica disorganizzazione nel suo complesso altro non rappresenta che l’estrinsecarsi del caos interiore di Madame, la quale è soggetta a cambiamenti d’idee a dir poco vertiginosi benché non perniciosi per il suo umore, che resta sempre pressoché ottimo. E fu appunto in occasione d’uno di questi cambiamenti ch’ella decise (spinta in parte, è vero, dall’indigestione irreparabile di Mehercule e dalla sua repentina partenza in triciclo e coi pesi alle caviglie per l’Himalaja e in parte dalla politica governativa non esattamente sorridente nei riguardi della fu/cultura) di dedicarsi al flamenco lasciando il ramo archeologico, sul quale pure stava costruendo una folgorante carriera. Madame da allora s’esibisce ogni sera in sensuali bulerìas sui tavoli dei bar di periferia della Città, scatenando le folli gelosie del Principe che però s’avventura in teorie del tradimento così astruse che poi se le dimentica e non riesce a rinfacciare a Madame la sofferenza ch’ella gl’infligge con quel dannato flamenco, sofferenza acuita dal fatto che Madame è considerata all’unanimità la ballerina più sexy e dal culo più deliziosamente tondo del circondario.

Potrebbe riproporre materialmente i fantasmi mentali che ho con immane fatica lenito nel corso della mia travagliosa e mastodonticamente sofferta esistenza. ” Poppy emette un verso che costituisce forse il suo primo rutto. Il Fratturatore scatarra con incredibile potenza. Ham sente il getto di saliva duro come cemento atterrare sul linoleum, tre spanne e mezzo a sinistra della propria scarpa sinistra. Si volta a guardare. La saliva del Fratturatore pare crema strizzata da un bigné. “E poi ancora. Adesso arriveranno tutti i parenti. Tutti i miei e tutti quelli di Madame. Tutti. E ciò rappresenterà il non plus ultra, l’apice, il picco massimo d’ipocrisia e meschinità sociale e menzogna comunemente e direi quotidianamente accettata. Incoraggiata. Lodata. Esatta. Tutte le antipatie, anzi gli odi direi, i rancori e i dispetti e i risentimenti e le beghe e le invidie e le gelosie e infine di nuovo e innegabilmente gli odi, artefatti, no, liquefatti in una appiccicosa vernice di gentilezza posticcia, di fasullo buon senso da quattro soldi che se ne vada a cagare in un cesso a pedali smarrito in una delle più sperdute stazioni di servizio autostradali dove non arriva mai nessuno a disinfestare nemmeno dopo l’esodo estivo e che cazzo…
“Posso ntrr vdrlo?”

“Posso entrare a vederlo?”

chiede quasi timidamente Caverna Hammer, affacciando alla porta la sua faccia scura e scolpita nella quercia.

Non è vero che Caverna Hammer abbia il volto scolpito in un tronco di quercia, ma l’espressione usata è un modo per dire che Caverna possiede lineamenti facciali netti e duri.

Ham riemerge dal pozzo mentale in cui s’è calato. “Ma certo” sorride accondiscendendo puntualmente alla meschinità e menzogna sociale appena vituperata con tanta foga interiore.
Esce dalla stanza dando per la prima volta le spalle a suo figlio, immobile e prono sulla coperta verde scuro dell’incubatrice.

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: