Botta e risposta / Anche le golose rispondono a Guido Gozzano

by
Confetteria Bosello, oggi Peyrano, Torino

Confetteria Bosello, oggi Peyrano, Torino



[Le regole del gioco sono qui].

Guido Gozzano, Le golose

Io sono innamorato di tutte le signore
che mangiano le paste nelle confetterie.

Signore e signorine –
le dita senza guanto –
scelgon la pasta. Quanto
ritornano bambine!

Perché nïun le veda,
volgon le spalle, in fretta,
sollevan la veletta,
divorano la preda.

C’è quella che s’informa
pensosa della scelta;
quella che toglie svelta,
né cura tinta e forma.

L’una, pur mentre inghiotte,
già pensa al dopo, al poi;
e domina i vassoi
con le pupille ghiotte.

un’altra – il dolce crebbe –
muove le disperate
bianchissime al giulebbe
dita confetturate!

Un’altra, con bell’arte,
sugge la punta estrema:
invano! ché la crema
esce dall’altra parte!

L’una, senz’abbadare
a giovine che adocchi,
divora in pace. Gli occhi
altra solleva, e pare

sugga, in supremo annunzio,
non crema e cioccolatte,
ma superliquefatte
parole del D’Annunzio.

Fra questi aromi acuti,
strani, commisti troppo
di cedro, di sciroppo,
di creme, di velluti,

di essenze parigine,
di mammole, di chiome:
oh! le signore come
ritornano bambine!

Perché non m’è concesso –
o legge inopportuna! –
il farmivi da presso,
baciarvi ad una ad una,

o belle bocche intatte
di giovani signore,
baciarvi nel sapore
di crema e cioccolatte?

Io sono innamorato di tutte le signore
che mangiano le paste nelle confetterie.

* * *

Risposta delle golose, scritta da Giorgia Tribuiani. Quasi tutta per le rime.

Ghiottissime, golose, noi siam quelle signore
che mangiano le paste nelle confetterie.

Ma tutte le mattine
preghiamo qualche santo
che resti nostro vanto
l’aspetto da veline,

che niun botton poi ceda,
la vita resti stretta
e, sotto, la pancetta
l’immagine non leda.

E se poi si trasforma
il fisico in un delta?
Che fa, allor, la prescelta,
cui il corpo ben si sforma?

Credendosi una botte
tra tutti quei vassoi
al bagno, vuoi o non vuoi,
si guarda le guanciotte:

e – pur se non vorrebbe,
anche se altre abbuffate
di certo sognerebbe –
calze elasticizzate

si infila lei in disparte,
poi una pancera estrema;
risolto sì il problema
felice già riparte.

Ma Guido, non pensare,
che dei patemi sciocchi
ci guastino i balocchi.
Se un ché potrà mai urtare

questo nostro diletto
è quando al fiordilatte,
e a creme e a paste matte
poi segue il gabinetto.

È allora che i saluti
arrivano purtroppo,
ché il nostro bel malloppo
ci sforma gli attributi:

ci treman le manine
mentre, non si sa come,
l’odore dell’addome
riempie le vetrine.

Poi finalmente al cesso –
che cosa inopportuna,
dio mio, abbiam detta adesso –
sospira già qualcuna.

Ma queste rime matte
dimentica, oh cantore:
rimanga nel tuo cuore
l’idillio che ancor batte.

Per te noi rimarremo le amabili signore
che mangiano le paste nelle confetterie.

Tag: ,

3 Risposte to “Botta e risposta / Anche le golose rispondono a Guido Gozzano”

  1. Giorgia Tribuiani Says:

    Ammetto di aver saltato due rime. Di fronte ad “annunzio” e “D’Annunzio”, ho pensato: “rinunzio!”

  2. Francesco Zito Says:

    Brava! Precisa nella tecnica ed intonata nella scelta delle parole. Complimenti sentiti. Francesco

  3. Giorgia Tribuiani Says:

    Ciao Francesco, grazie! E’ stato divertente!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...