Posts Tagged ‘Firenze’

Polemica

28 settembre 2010

di giuliomozzi

Firenze, caffè davanti alla stazione di Santa Maria Novella, otto e venti di lunedì 27 settembre.

Un giovanotto ricciuto va alla cassa, poi al banco. Dice: “Un caffè e un cornetto”.
Il banconiere: “Deve fare lo scontrino”.
Il giovanotto si fruga nelle tasche, poi si volta verso la cassiera: “Signora, non mi ha dato lo scontrino”.
La cassiera: “Guardi che gliel’ho dato”.
Il giovanotto: “Signora, non me l’ha dato, mi creda”.
La cassiera: “Giovanotto, gliel’ho dato, mi creda mi creda”.
Il giovanotto: “Signora, non voglio fare polemica, ma non me l’ha dato”.
La cassiera: “Se vuole far polemica, faccia, ma io gliel’ho dato”.
Il giovanotto: “Non facciamo polemica”.
La cassiera al banconiere: “Augusto, dagli il caffè e il cornetto, sennò questo fa polemica”.

Trovarobe, 7

6 Maggio 2009

di giuliomozzi

[Nel giugno del 2005 Gianni Bonina, direttore di Stilos (una bella rivista che oggi non c’è più, per la quale avevo già compilate le 100 puntate del (non) corso di scrittura e narrazione) mi chiese di inventarmi una nuova rubrica. Nacque così Trovarobe, rubrica dedicata (almeno in teoria) all’andar cercando libri. Poiché non mi sembrano poi brutti articoli, li ricupererò qui. Leggi tutti i Trovarobe].

Devo fare in fretta, ho poco tempo. Ho sempre poco tempo. Salto da un treno all’altro, da un autobus all’altro, da una metropolitana all’altra. Ho lo zaino sempre pieno di libri. I più bizzarri. Mentre giro per le città, continuamente compero libri. Nelle edicole, nelle librerie, nelle bancarelle. Parto, vado a Milano, a Roma, a Venezia, a Torino; porto con me un libro, due libri da leggere, il numero delle pagine calcolato sulle ore di treno che affronterò; e poi mentre sono in viaggio i libri diventano tre, quattro, cinque, talvolta dieci, undici. Sono una specie di calamita. Attraggo i libri: mi si appiccicano addosso.

(more…)