Posts Tagged ‘Federico Fellini’

Albert Cossery, “I fannulloni nella valle fertile”

16 gennaio 2017

albert-cossery

di Stefano Brugnolo

E’ uscito nel 2016 per Einaudi un romanzo di Albert Cossery I fannulloni nella valle fertile (pp. 185, euro 18,50), originalmente pubblicato nel 1948. Cossery era nato in Egitto nel 1913, ma a partire da questo suo romanzo ha sempre scritto e pubblicato in francese, fino alla sua morte avvenuta nel 2008, a Parigi, dove dal 1955 viveva in una stanza dell’Hotel Lousiane, un piccolo albergo di Saint-Germain de Prés. Si tratta a suo modo di un autore leggendario che finalmente viene tradotto in italiano grazie a Giuseppe A. Samonà che cura anche un’ottima introduzione, intitolata “La rivoluzione del non fare” dove ci vengono date le coordinate fondamentali per comprendere l’originalissimo e appartato mondo di Cossery.

(more…)

Rivoluzione Quentin

11 novembre 2016

di Marco Candida

[Il testo si intitola La rivoluzione di Quentin]

con affetto a Quentin Tarantino

pulpbooks-7-900x1350È sbalorditivo constatare quanto Ernest Hemingway sia debitore di Sherwood Anderson. Eppure, pochi autori come Hemingway hanno consolidato il cammino della letteratura negli ultimi decenni – e qui “letteratura” ha valore altissimo: significa soprattutto “modalità di rappresentazione del mondo”. Esempi come quelli di Hemingway, in letteratura, ce ne sono un bel po’. Generalmente, sappiamo che tutti i grandi autori, o una parte non trascurabile d’essi, sono debitori. Forse, però, questa parola, la parola “debitore”, colpisce ormai in maniera troppo debole la nostra immaginazione. Infatti, se i grandi autori sono “debitori”, allora dobbiamo immaginarci “debitori” “pieni e strapieni di debiti”: non soltanto un paio di collane in una gioielleria e qualche bottiglia di whisky nel negozio di liquori sotto casa. Se sono “ladri”, li dobbiamo immaginare non semplici furfantelli che svaligiano un appartamento o commettono qualche scippo per strada: piuttosto quel tipo di birbanti che s’impadroniscono di capitali interi, società, know-how. Ecco, questo è il tipo di “debitori” o di “ladri”, se vogliamo usare i vocaboli “ladri” e “debitori”, che dobbiamo immaginarci. Ma, se sono “debitori” o “ladri”, che cosa consente a questi grandi autori di seguitare a essere considerati “grandi”? O, ancora meglio: perché questi autori sono indubitabilmente più grandi, importanti, belli e migliori degli altri autori?

(more…)

Lombroso è vivo (e lotta insieme a noi)

22 giugno 2010

di giuliomozzi

Le teorie di Cesare Lombroso sull’uomo criminale, l’atavismo eccetera sono ormai completamente screditate. Tuttavia, come spesso succede, sono ancora vive nell’immaginario popolare: tant’è che spesso, nel primo contatto con una persona, ci si fanno delle idee sulla base della faccia, delle posture, dell’abbigliamento (l’abito fa il monaco) e così via. E, ad esempio, anche Federica Sgaggio ci ha scherzato su, qui, in un commento alla mia noterella Omettere un particolare.
Che le cose stiano così, lo sa bene chi fa i giornali. Basti guardare, ad esempio le due fotografie di Crescenzio Sepe con le quali La Repubblica e Il Giornale illustrano due articoli sostanzialmente identici nel contenuto informativo, ma di tenore assai diverso: favorevole a Sepe quello del Giornale, sfavorevole quello di Repubblica.

(more…)