I dieci peggiori incipit tarocchi che mi sia mai capitato di leggere

by

di giuliomozzi

Sull’importanza dell’incipit non è necessario soffermarsi. Alcuni incipit sono famosissimi e pertanto imitatissimi: ma le imitazioni fallite non si contano. Ecco una scelta dal mio personale museo degli orrori, frutto di anni e anni di letture di inediti destinati quasi sempre a restare tali. (E se penso a quante di queste perle mi sfuggono – perché, ovviamente, non ho mica in testa tutta la letteratura mondiale…).

1. Chiamatemi Piervincenzo.

2. Tutte le famiglie Mulino Bianco si somigliano, ogni famiglia Gentilini è Gentilini a modo suo.

3. Quando si seppe in giro che Mara si era messa con Bibo, tutti furono d’accordo nel ritenere che Mara aveva decisamente troppo pochi tatuaggi per durare a lungo con un tipo come Bibo.

4. In principio… anzi no, alla fine: perché in questa storia, tra il principio e la fine, alla fin fine e per principio non farò accadere nulla.

5. “Io sono propenso a ritenere… ” dissi. “Soffre di ritenzione?”, m’interruppe il medico in tono d’impazienza.

6. Molti anni dopo, di fronte allo schermo del Bancomat la cui scritta diceva La sua carta non è stata accettata, l’architetto Luigi Sirottolo si sarebbe ricordato di quella lontana sera in cui suo padre lo aveva condotto per la prima volta a una partita di poker.

7. Il 10 gennaio 2005 mia nonna Iva si arrabbiò con Silvio Berlusconi e in generale con tutti i suoi tirapiedi e tutte le pollastrelle che lo circondavano a causa della sostituzione di Michelle Hunziker con Enzo Iachetti alla conduzione di Striscia la notizia.

8. Sul finire dell’estate di quell’anno eravamo in un appartamento in un condominio che di là della ferrovia e del cementificio guardava la cava.

9. Il girovita lo bloccò nel mezzo del camino.

10. Era di primo mattino, e il sole appena sorto luccicava tremolando sulle scaglie del mare appena increspato.

28 Risposte to “I dieci peggiori incipit tarocchi che mi sia mai capitato di leggere”

  1. Monica Bauletti Says:

    fiù. Meno male, il mio non c’è.🙂

  2. acabarra59 Says:

    “ Sabato 10 giugno 2000 – « Quando Schnellinger insaccò, un minuto e quaranta secondi dopo lo scadere del tempo regolamentare, io avevo dodici anni. In una famiglia come la mia ciò significava che ero a letto, a dormire, già da un bel po’. Allo stadio Atzeca stavano facendo la storia, e io dormivo. » (Alessandro Baricco, La Partita lunga trent’anni, in «La Repubblica», oggi) (Per il progresso dell’incipitologia) “ [*]
    [*] Lsds / 73…

  3. ellidieffe Says:

    Non ho mai riso tanto. Piervincenzo è il massimo,

  4. Lucia Gandolfi Says:

    L’incipit 7 e 9 mi sono piaciuti e avrei letto volentieri qualche pagina della storia.

  5. gattasorniona Says:

    Ho apprezzato il 7, avrei continuato a leggere volentieri.

  6. RobySan Says:

    [Fuori tema]

    Però, come incipit poetico d’una “Vita infernale di Babbo Natale”:

    Nel mezzo del camino il giro vita
    mi s’incastrò nella muraglia scura
    per la fuligine ch’era ispessita

    non parrebbe poi malaccio.

  7. dm Says:

    (In vena di burle, e di seguir le altrui burle).

    “Samantha, luce dei miei occhi, fuoco del mio pendaglio. Mia trasgressione, mio respiro. Sa-man-thà: il dorso della lingua compie un percorso di tre passi sul palato per scendere, al terzo, tra i denti. Sa, man, thà.

    “Mi chiamo Pippo Vannella, e sono un giornalista della gazzetta”.

    “Spero che questo racconto breve non venga mai letto”.

    “Qualcuno doveva aver diffamato Silvio B. perché, senza che avesse fatto nulla di male, una mattina gli fu recapitato un avviso di garanzia”.

  8. Matta del cortile Says:

    Sembrano finti,questi incipit. Per caso èuno dei tuoi scherzi? E in ogni caso una bella silloge sarebbe uno spasso senza precedenti, alla Campanile.

  9. Giulio Mozzi Says:

    Finti? Ma quando mai!

  10. Patrizia Says:

    Ma l’incipit più diffuso e banale non è “La luce filtrava dalle persiane chiuse”?

  11. la Matta. Says:

    E’proprio vero che la realtà non ha pari! Comunque ci vorrebbe un notevole impegno per ideare questi incipit.Una volta, in commissione di valutazione per punteggio, abbiamo creato un dossier di fioriture che ci consolava della fatica e del caldo. La tristezza era che si trattava di insegnanti.Sì, in fondo c’era poco da ridere. Matta

  12. la Matta. Says:

    E’proprio vero che la realtà non ha pari, caro Giulio. Comunque ci vorrebbe un notevole impegno per ideare questi incipit.Una volta, in commissione di valutazione per punteggio, abbiamo creato un dossier di fioriture che ci consolava della fatica e del caldo. La tristezza era che si trattava di insegnanti.Sì, in fondo c’era poco da ridere. Matta

  13. C.P. Says:

    Chiamatemi Piervincenzo. Se è finto è divertente, ma se è vero è sublime.

  14. la Matta Says:

    Sono così perfetti nella loro banalità da far pensare ad una delle tue creazioni preferite. Inventare banalità vere richiede comunque intelligenza e acutezza, guarda caso. Ti ho fatto un complimento, Giulio. E “sono propensa a ritenere” (tanto per adeguarmi) che lo meriti.Matta

  15. Giulio Mozzi Says:

    Patrizia: per la luce che filtra dalle persiane, eccetera, puoi vedere qui.

  16. steffymars Says:

    Mi è rimasta l’enorme curiosità di sapere come sia continuata la storia tra Mara e Bibo. Il loro amore sarà stato più forte di un paio di tribali? In realtà spero sia finita male e che Mara, dopo aver conosciuto Piervincenzo, abbia deciso di scappare con lui in un appartamento fronte cava.

  17. g2-65df8f77e925b14b2017cd96ffc19b0f Says:

    L’Italia è il Paese che amo. Qui ho le mie radici, le mie speranze, i miei orizzonti. Qui ho imparato, da mio padre e dalla vita, il mio mestiere di imprenditore. Qui ho appreso la passione per la libertà.

  18. Giulio Mozzi Says:

    g2-ecc.: questo non è tarocco. E, a giudicare dal successo che l’impresa ha avuto, è difficile metterlo tra i peggiori.

  19. RobySan Says:

    Non c’è niente di meglio della prospettiva di un’apericena, almeno a Milano, dove essa è tutto.

  20. amandamelling Says:

    Io ho volutamente utilizzato un inizio estremamente banale per far girare le scatole al lettore, nel mio ultimo romanzo pubblicato. Poi se uno resiste ad andare avanti scopre che è l’inizio di un romanzo scritto dalla protagonista che nessuno si deve sorbire, quindi in teoria si tira un sospiro di sollievo. Eccolo:
    George si alzò dal letto e raggiunse la finestra che dava sul cortile. Una luce flebile filtrava orizzontalmente dalla tapparella verde acqua, creando disegni sui vecchi muri del Motel.
    Più orrendo di così🙂

  21. Patrizia Says:

    @Giulio: grazie, quel post non lo avevo letto…

  22. Mi ricorderò di te. O forse no. – Scrivere per caso Says:

    […] tanto che ne abbiamo anche fatto una gara. E in questi giorni, come i peperoni per cena, sono ritornati alla ribalta su Vibrisse: buoni, meno buoni, scarsi o tarocchi, gli incipit perseguitano tutti quelli che pensano di voler […]

  23. Bandini Says:

    Anche a me il 7 intriga molto. Piervincenzo poi è il massimo. Devo ammettere che ho riconosciuto solo i primi 2 come tarocchi. Sono veramente scarso.

  24. Giulio Mozzi Says:

    Amanda: anche tu manzoniana, dunque.

  25. Andy Says:

    Voglio “La letteratura inedita in Italia”. Completo.

    Comunque il “girovito lo bloccò nel mezzo del camino” mi ha fatto ridere.

    La 8 é inquietante.

  26. livioromanono Says:

    E’ la giornata del chieder permesso. Sommessamente, il mio incipit volutamente-ironicamente tarocco a quello che considero ancora il mio libro migliore è: “Quanto casco dentro a un mar d’impicci, sora Alprazolam vien da me, sussurrandomi parole di quiete, lascia che sia, oh sì la scia che sia”.

  27. Pietropaolo Morrone Says:

    😀 Pretendo una prova (in copia conforme all’originale) per i primi due!🙂 Sto morendo…

  28. Giulio Mozzi Says:

    Fìdati di me, Pietropaolo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...