Dieci versi che è indispensabile sapere a memoria (se si vuole scrivere poesie)

by

201311150208091

di giuliomozzi

Sono così famosi che non serve indicare la fonte.

1. La bocca mi baciò tutto tremante.

2. E chiaro nella valle il fiume appare.

3. Baciò la sua petrosa Itaca Ulisse.

4. Il rauco suon della tartarea tromba.

5. Oh gran virtù dei cavalieri antiqui!

6. Fior, frondi, erbe, ombre, antri, onde, aure soavi.

7. Azzurri d’un azzurro di stoviglia.

8. Gnan gnam yum yum slurp slurp.

9. Figlio, amoroso giglio.

10. Se d’amore si muore, siamo morti noi.

15 Risposte to “Dieci versi che è indispensabile sapere a memoria (se si vuole scrivere poesie)”

  1. Oriana Says:

    la mia preferita? indubbiamente la 8 che conosce a memoria anche Leo, il mio cagnolone

  2. Ivano Porpora Says:

    Dico una sciocchezza o il primo è “basciò” e non “baciò”?

  3. avolai Says:

    E il naufragar m’è dolce in questo mare.

  4. RobySan Says:

    Fior, frondi, erbe, ombre, antri, onde, aure soavi. Petr.

    Io ben sò , che il citato Verƒo fu dal Bembo riputato aƒƒai bello , a ƒe-
    gno che il medeƒimo Autore ƒi ƒentiva conƒolar l’ orecchie d’ una giocon-
    diƒƒima armonia alla ƒonorità di eƒƒo : nondimeno a molti critici ƒchizzinoƒi
    ƒembra aver queƒta volta meglio giudicato il Triƒƒino , a cui per la trop-
    pa quantità d’ accenti, e di conƒonanti, queƒto un Verƒo sì gli pareva…,
    quaƒi in Lingua Tedeƒca. Claudio Tolommei volle il Verƒo ƒteƒƒo imitare
    in un certo ƒuo Madrigale ; e imitandolo ne fece uno ancora più affettato ,
    che non è del Petrarca , ed è il ƒeguente :

    Fior, frondi, erbe, aria, antri, onde, arme, archi, ombre, aura.

    [Della storia e delle ragioni d’ogni poesia – Francesco Saver Quadrio]

  5. Giulio Mozzi Says:

    Ivano: ho adottato per tutti i versi (diversamente da Robyƒan) una grafia attuale.

  6. Clara Lotti Says:

    S’aprì si chiuse nella notte nera

    alberi case colli per l’inganno consueto

    (mi mancava soprattutto Montale, nell’elenco)

  7. Roberta Says:

    E dove e’ rimasto , Il modo ancor m’offende?

  8. L'esageratore Says:

    Il verso numero 7, pur volendo ammettere la maggior grandezza dei testi richiamati da altri versi dell’elenco, è quello che più si fa voler bene: da me.

  9. Roberta Says:

    Ulisse sempre.

  10. Pensieri Oziosi Says:

    Sono così famosi che non serve indicare la fonte.

    Be’, io ne ho riconosciuti due, il primo ed il quinto. Li altri li ho dovuti chiedere a Google. A proposito, sono andata a verificare nell’edizione dell’Orlando Furioso di Einaudi linkata da Robyſan in calce ad un altro decalogo, e lì vi si trova bontà al posto di virtù.

    P.S. Robyſan, non mi confondere l’esse lunga (ſ) con la effe uncinata (ƒ).

  11. gianlucatrotta Says:

    E bianca neve scender senza venti

  12. Giuseppe Sangirardi Says:

    Sì, “Oh gran bontà de’ cavallieri antiqui” è il verso di Ariosto

  13. Giulio Mozzi Says:

    Lapsus, P.O.

  14. guscidinoce Says:

    Dolce e chiara è la notte, e senza vento…

  15. Simone Says:

    Ho visto cose io che voi umani….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...