“Lomissione”, di Giorgio Perecco

by

di Ennio Bissolati

[Ennio Bissolati è un bibliofilo. Per vibrisse recensisce libri introvabili, dei quali sostiene di essere l’unico lettore. gm]

lomissioneChe la creativita nasca spesso dalle costrizioni, e luogo ormai comune. Cio che a molti sfugge e che ci sono costrizioni piu e costrizioni meno feconde. L’autore del romanzo Lomissione (il cui nomignolo – giacche non possiamo credere che “Giorgio Perecco” sia un nome autentico – rimanda evidentemente al nome – autentico, questo si – di Georges Perec, autore di quell’immortale capolavoro – e non solo della letteratura lipogrammatica – che e La disparition, La scomparsa nell’unica arditissima “traduzione” italiana esistente) sembra non essersene reso conto. Egli si limita infatti a omettere (fin dal titolo) la dove grammatica lo esige, l’apostrofo. Che razza di costrizione sia una costrizione che non e affatto una costrizione, ma una semplice omissione, ognuno puo immaginarlo. L’unico effetto e quello di un continuo intralcio all’occhio, come avviene nella lettura di certi autori semicolti che, per mancanza di carita, gli editori pubblicano senza nemmeno curarsi di evitar loro il ridicolo.

Ma la (goffa) imitazione perecchiana non si limita alla (fasulla, come abbiamo visto) costrizione. La storia narrata da Lomissione non e altro, infatti, che un rifacimento della celebre novella Bartleby lo scrivano di Herman Melville: e tutti sanno che sommando in una sorta di Kofferwort il nome di Bartleby (il personaggio melvilliano) a quello di Barnabooth (uno pseudonimo spesso adoperato da Valery Larbaud) Georges Perec produsse il nome di Bartlebooth, il milardario non proprio protagonista del suo capolavoro La vie mode d’emploi. Ne Lomissione (mai scriveremmo, e se ne capiranno le ragioni, “nell’Omissione“) agisce un giovane magazziniere d’un grande magazzino di prodotti di calzeria, perseverantemente impegnato a non fare nulla. Il suo lavoro consiste (meglio: consisterebbe) nel mettere al loro posto gli scatoloni di calze, calze a rete, collant, parigine, calzette a scomparsa, calzini, calzettoni, calze della Befana, eccetera che i corrieri quotidianamente consegnano al magazzino: ma il Nostro (privo di nome nel romanzo: si chiama “il magazziniere”, e ciccia) di fronte a ogni scatolone si domanda, tentennando la testa: “E questo dove lo metto? Dove lo metto? Beh, lometto”. E il lettore dovrebbe, immagino, nell’immaginazione dell’immaginario Giorgio Perecco, farsi una risata. In un delirio intertestuale tanto strampalato quanto inconsistente, il titolare del magazzino non e altri che Celesino Lometto, comprimario di Angelo Bazarovi (ancora un nome di ricalco, da quello del rivoluzionario russo Vladimir Alexandrovič Bazarov) nel romanzo (altro capolavoro vero: anch’esso, curiosamente, e una ragione ci sara nella mente di Perecco, con la parola “vita” nel titolo) di Aldo Busi Vita standard di un venditore provvisorio di collant. Dove poi Lometto finira col metterlo al nostro ometto, e cosa fin troppo facile da intuire; e ve la risparmio.

Suvvia. Se e vero che l’imitazione e una pratica fondamentale di qualunque artista di qualunque arte, e vero pure che raggiunta la maggiore eta bisogna distaccarsene, o almeno uscire dall’alveo della pedissequita per attingere il gran fiume dell’originalita. L’imitazione ha senso solo se e creativa: su questo concetto, nel mio umile ruolo di recensore di libri quasi inesistenti, e forse talora inesistiti, in qualche caso speranzosi di esistere, mai smettero di mettere l’accento.

Tag: , , , , , ,

8 Risposte to ““Lomissione”, di Giorgio Perecco”

  1. Ma.Ma. Says:

    È fantastica! Daiii… dopo il terzo accento mancante, stavo per scrivere: “Occhio! È successo qualcosa al testo…” Per fortuna mi sono trattenuta. È geniale questa “recensione” e, cavoli, mi ha fatto ridere un sacco (ridere, non sorridere, cosa che di solito faccio poco). E per colpa di questo poi mi sono sentita una sfigata quando ho letto: “E il lettore dovrebbe, immagino, nell’immaginazione dell’immaginario Giorgio Perecco, farsi una risata.” Ma perdono tutto a chi sa fare tanto.

  2. Donatella Says:

    Caro Bissolati, la mancanza di carita è certamente un’omissione argutissima e voluta dell’accento. Lei è un genio!

  3. Ennio Bissolati Says:

    Vi ringrazio, care signore: ma non esageriamo. Il genio è tutt’altra cosa.

  4. acabarra59 Says:

    “ 29 giugno 1991 – Perec. Marie Josè. “ [*]
    [*] Lsds / 675

  5. enrico ernst Says:

    Il Bissolati secondo me in maniera imperdonabile omette il nome di Baricco e del Bartleboom di Oceano Mare. Ma un’omissione in un post che recensisce un volume che fa perno su un’omissione, e che omette a sua volta l’accento mi chiedo se possa chiamarsi ancora omissione, nel senso vieto in cui parliamo di omissione nella comunicazione ordinaria. Un capitale e un peso eccessivo di omissioni possono portare a infiniti e infinitamente interpretabili capolavori. Ho letto in una letteratura belga, che un grande del seicento fiammingo avrebbe scritto un’opera letteraria che ometteva tutto: a partire dal titolo, e dall’intero svolgimento. Impossibile capire, ad esempio, se fosse prosa o poesia. Indistinti i personaggi e la trama. Indistinti fino alla scompariscenza. Una copia dell’opera si trova (dicono i più informati) in un caveau di Bruxelles… pochi hanno potuto complsare il volume… forse a causa di qualche (ancor più sostanziale) omissione…

  6. Ennio Bissolati Says:

    Gentile Enrico: il fatto è che io, essendo un originale, diffido delle imitazioni. La saluto caramente.

  7. RobySan Says:

    … io, essendo un originale, diffido delle imitazioni…

    La stessa cosa che sostiene il mio amico Cesare Palladini da Bellaria.

  8. enrico ernst Says:

    quel meraviglioso “caramente”…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...