Si comincia lunedì

by
Michela Fregona

Michela Fregona

Chi frequenta vibrisse da un po’ ha già potuto leggere, di Michela Fregona, l’articolo per la serie “La formazione dell’insegnante di lettere” (vedi). Da lunedì 21 settembre 2015 pubblicherò a puntate il suo romanzo Quello che verrà. Rifiutato da innumerevoli editori (compreso quello per il quale lavoro), a me continua a sembrare un romanzo (a) assai bello, (b) utile e istruttivo. Parla di scuola, quindi parla di persone, di corpi, di voci, di destini, di potere, di povertà – di tante cose, tutte vicine a noi. E lo fa con grande dignità. [gm]

Tag:

10 Risposte to “Si comincia lunedì”

  1. Daniela Grandinetti Says:

    lo seguirò, grazie Giulio, come sempre

  2. Rollo Tommasi Says:

    Bello.
    Bello, come addetto ai lavori, proporre cose di cui – pur mancando il riscontro editoriale – si è rimasti convinti.

  3. dm Says:

    Buona fortuna.

  4. Cristian Says:

    sinceramente non riesco a capire come un romanzo che Giulio Mozzi cosidera degno di pubblicazione possa essere respinto, non trovare un editore. Forse ha puntato troppo in alto, Einaudi, Mondadori. Possibile che tra i piccoli editori non ce ne sia uno che voglia pubblicarlo, forse non lo ha mandato in giro abbastanza, forse non ha spiegato ciò che ne pensa Mozzi … Come può essere? Per me è un mistero

  5. Giulio Mozzi Says:

    Non è un mistero, Cristian. Questo romanzo, per esempio, ha una protagonista femminile che non ha una storia d’amore: e questo, per molti editori, è un peccato mortale. Poi: è un romanzo che raccolta molte cose vere, e ci sono stati direttori della narrativa che l’hanno rimandato alla saggistica/memorialistica e direttori della saggistica/memorialistica che l’hanno rimandato alla narrativa. Poi: è un romanzo, come si usa dire, “letterario”, ovvero non è scritto in uno stile semplificato; e molti editor sono convinti che se un’opera parla del mondo debba essere scritta in uno stile semplificato (“giornalistico”, dicono loro barbaramente). Eccetera.

    Poi, sai, posso sbagliarmi anch’io.

    Quanto alla presentazione agli editori, ci ha pensato l’agente. E sono sicuro che il suo lavoro l’ha fatto bene.

    Dopodiché: se si presenterà un editore interessato, ben venga.

  6. maria Says:

    Ho letto ,come suggerito,La formazione dell’insegnante di questa scrittice che mi accingo a scoprire da Lunedì.Sono una donna di formazione maschilista,ed ora in questo Blog scopro la’esistenza di donne che mi entusiasmano.

  7. gianlucabarbera Says:

    “Sono una donna di formazione maschilista”? Che significa di preciso? Sarei curioso di saperlo (lo dico senza ironia).

  8. maria Says:

    Sono contenta di rispondere.Mi sono formata(moltissimi anni fa)in una famiglia in cui la donna(la madre) rappresentava l’efficienza pratica,l’intelligenza pragmatica del quotidiano al massimo del suo valore.L’uomo(il padre) l’apertura al mondo,il fascino della cultura,dell’arte Questa distinzione dei ruoli poteva essere frequente a quei tempi:anni cinquanta.Vedevo nella donna quasi un limite congenito e nell’uomo un valore aggiunto.Mia madre non soffriva di nessun complesso d’inferiorità, era felice così. Ero io a non apprezzare a fondo il suo ruolo e a convincermi che l’uomo,nella mia famiglia,come nella società, avesse una marcia in più. E questa sensazione non è scomparsa col tempo.

  9. fernirosso Says:

    Ma perché l’autrice non invia a Terra d’ulivi il suo romanzo? Saremo lieti di leggere il suo testo. Siamo una piccola casa editrice di Lecce ma ci piace fare bene le cose che pubblichiamo.
    fernanda ferraresso (direttrice collana di poesia per Terra d’ulivi)

    http://www.edizioniterradulivi.it/

    https://www.facebook.com/TerraDulivi?fref=ts

  10. Michela Fregona Says:

    Grazie della sollecitazione, Fernanda. Vi scrivo in cartesensibili.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...