“E’ il concetto stesso di lutto a farsi da parte”

by

protestant_cemetery_rome_6_by_creepy_eyes

di Luca Fiorentini

[Questo articolo di Luca Fiorentini, che ringrazio, è apparso nel numero del mensile L’indice attualmente in edicola. gm].

Non alla morte né ai morti, ma appunto al morire è dedicato l’ultimo lavoro di Giulio Mozzi, da poco uscito per Laurana. Il libro si compone di sette pezzi di natura “indecidibile” (così Mozzi, nella Premessa): ed è definizione valida soprattutto per la struttura formale, modulata secondo una vastissima possibilità combinatoria (dalla prosa narrativa al monologo sermoneggiante, fino al prosimetro e alla pièce teatrale, a volte intrecciati). Ciò non fa tuttavia di Favole del morire un’opera discontinua: le declinazioni della materia, pur varie, sono il frutto di un medesimo impulso concettuale; per altro verso, la variabilità dei registri non trascorre mai in un’incerta moltiplicazione di prospettive.
Lo stesso poteva dirsi del Culto dei morti nell’Italia contemporanea (Einaudi, 2000), probabilmente il testo di Mozzi più affine, non solo per gli argomenti trattati, a Favole del morire. E tuttavia, se nel poemetto einaudiano l’interesse era quasi sempre rivolto all’evento pubblico della morte, qui l’attenzione si sposta sul processo, ossia sull’accadimento – biologico, cosmologico – del morire. Variazione non da poco, i cui effetti si registrano nell’annullamento tanto dello scenario “sociale” (talora mappato con sguardo volutamente cronistico nel Culto dei morti), quanto della sfera strettamente individuale e psicologica (fortissima nel Mozzi del Male naturale e della Felicità terrena). È quindi superata, si direbbe, l’antica attrazione per i riti volti a svigorire, senza tuttavia sopprimere, la catastrofe del lutto. E in verità è il concetto stesso di lutto a farsi da parte: non ci sono del resto esseri umani, nelle sette Favole del morire, ma l’umanità tutta; non un tempo, ma ogni tempo.

Continua a leggere.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...