Dieci tipiche frasi che, se presenti nella lettera accompagnatoria, esentano il lettore professionale dal leggere anche una sola pagina del romanzo allegato

by

Alcuni lettori professionali, a bordo della Carrozza Editoriale trainata dal mercato, tentano di varcare la Collina degli Esordienti

Alcuni lettori professionali, a bordo della Carrozza Editoriale trainata dal mercato, tentano di varcare la Collina degli Esordienti


di giuliomozzi

1. “So che lei è un ammiratore di Carlo Manzoni e dei suoi Promessi sposi“.

2. “La mia scrittura è direttamente ispirata a quella di Charles Bukowskij”.

3. “Prima di sottoporle un lavoro mio, ho meditato a lungo. Poi mi sono deciso. Così le mando questo romanzo che ho finito di scrivere ieri sera”.

4. “E’ l’autobiografia di un diciannovenne, dentro ci sono tutte le cose tipiche della vita dei diciannovenni, anche diciottenni”.

5. “Ho ricevuto molti complimenti dalle signorine dell’Adelphi, ma non potevano pubblicarmi per questioni di budget”.

6. “Ho scoperto per caso il suo sito mentre cercavo informazioni su una dieta. Se le è il fratello del famoso dottor Mozzi, intenderei proporle in lettura questo mio libro di ricette astigiane, che le allego”.

7. “La preavviso che in caso di Sua decisione di parere negativo manifestata in silenzio/dissenso non intenderò corrisponderle alcun corrispettivo, ma sarò disponibile a una telefonata di chiarimento qualora Lei si ravveda”.

8. “Questo è il mio primo romanzo. Poi se le piacesse ne ho altri sette, scritti dalla maggiore età in poi”.

9. “Sinceramente penso che il mio romanzo faccia schifo. Non l’ho neanche riletto. Però almeno lei è pagato per ficcare il naso negli escrementi mentali altrui”.

10. “Gentile Mozzi, ho il piacere di sottoporle in lettura il mio Catalogo dei suicidi inediti. In esso compendio, con un metodo tassonomico e verace, le informazioni che nel corso di lunghi anni sono riuscito a raccogliere attorno alle esistenze di Autori che, repulsi dal sistema editoriale, hanno preferito levare la mano su di sé anziché accettare un incongruo giudizio del mondo. Essi sono quattrocentoquindici, e della morte di taluni di essi temo lei sia responsabile…”.

Queste frasi sono tipicamente maschili. Le donne tendono a non scrivere sciocchezze nelle lettere accompagnatorie.

25 Risposte to “Dieci tipiche frasi che, se presenti nella lettera accompagnatoria, esentano il lettore professionale dal leggere anche una sola pagina del romanzo allegato”

  1. cartaresistente Says:

    I punti 9 e 10 mi incuriosiscono . Forse l’incipit si potrebbe leggere.

  2. Giulio Mozzi Says:

    Si legge sempre, comunque, almeno un po’.

  3. deborahdonato Says:

    Io vorrei maggiori informazioni sulle signorine dell’Adelphi; detta così mi ha fatto pensare a sette spose per sette fratelli.

  4. Giulio Mozzi Says:

    Deborah: è, alla lettera, una frase che mi fu detta al telefono una decina d’anni fa.

  5. deborahdonato Says:

    Ma esistono anche le signorine della Mondadori e dell’Einaudi oppure attorniano solo Calasso?

  6. Giulio Mozzi Says:

    Di “signorine della Mondadori” non mi ha mai parlato nessuno.

  7. C. Says:

    Giulio, mi fai morire…

  8. acabarra59 Says:

    “ 17 giugno 2015 – « Ci basta, per far compiere questo miracolo, avvicinare le nostre labbra alla membrana magica e chiamare (qualche volta un po’ a lungo, lo ammetto) quelle Vergini Vigilanti di cui sentiamo tutto dì la voce senza mai conoscere il viso, che sono i nostri Angeli guardiani, nelle tenebre vertiginose di cui sorvegliano gelosamente l’accesso: le Onnipotenti per cui mezzo gli assenti si trovano al nostro fianco senza che ci sia permesso vederli, le Danaidi dell’invisibile, che senza posa vuotano e riempiono e trasmettono le anfore dei suoni ; quelle ironiche Furie che, nel momento in cui sussurriamo una confidenza a un’amica nella speranza di non essere intesi da nessuno, ci gridano crudelmente: “ Sento anch’io “, le cameriere sempre irritate del Mistero, le suscettibili sacerdotesse dell’Invisibile, le Signorine del telefono! » (Marcel Proust, I Guermantes, trad. di Mario Bonfantini) “ [*]
    [*] La s-formazione dello scrittore / 392

  9. Julie La Noire Says:

    “Signorine dell’Adelphi” è roba anni Trenta.

  10. mariagiannalia Says:

    “Le donne tendono a non scrivere sciocchezze nelle lettere accompagnatorie.”
    Questa cosa mi consola molto e mi fa ben sperare riguardo alla nostra intelligenza. Ma poi, Giulio, cosa scrivono le donne nelle lettere accompagnatorie? Qualcosa di sicuro scrivono anche loro.

  11. parallelo45 Says:

    la 7 le vale tutte.

  12. Ross Says:

    Allora in quanto donna rappresento un’ eccezione, nella mia unica lettera di presentazione ho scritto: ” valida alternativa alle etichette dei detersivi, quando in bagno non c’è niente da leggere “

  13. Giulio Mozzi Says:

    Ross, la tua è una battuta divertente; non una sciocchezza.

  14. Daniela Grandinetti Says:

    Reduce da una mattinata scolastica impegnati negli esami di maturità, dopo aver sbirciato le prove in qua e là
    a) ho riso, il che dopo una manciata di ore trascorse affannosamente non è male, ma soprattutto
    b) rivaluto le sane banalità dei miei studenti, almeno sono senza pretese

  15. Francesca Violi Says:

    Le lettere accompagnatorie sono parco giochi d’elezione del mio sabotatore interno: nel timore che una frase un po’ più ricercata possa suggerire velleità di facile arguzia, piaggeria, esibizionismo, piacionaggine, lui leva di qua, taglia di là, sfronda, spiana, sterilizza… Il risultato sono lettere laconiche e un po’ rigide. Accattivanti, temo, come la bolletta del gas.

  16. Lisa Agosti Says:

    Solo gli uomini scrivono sciocchezze… le donne le dicono a voce.

  17. Giulio Mozzi Says:

    Converrai, Lisa, che ciò è segno di prudenza.

  18. Filomena scrive... Says:

    La 9 è inquietante!

  19. adrianalibretti Says:

    sempre molto spiritoso eh!🙂

  20. massimocassani Says:

    Nessuno che dica/scriva cose tipo: “Mio cugino l’ha trovato un grande romanzo” o anche: “Il mio insegnante di lettere l’ha trovato sublime”?

  21. Cinzia Says:

    Mi sembrano frasi autolesionistiche e basta, nella loro estrema stupidità e ignoranza, quindi spero siano battute. In caso contrario, c’è da pensare che dal “signor Giulio Mozzi” arrivino per lo più opere di presuntuosi, incapaci e fuori di testa. Inoltre la piaggeria di dire che le donne non scrivono sciocchezze nelle accompagnatorie poteva risparmiarsela, francamente. Conosco un po’ il giro e mi confermo nell’idea che il “lettore professionale” Mozzi non abbia alcuna considerazione per chi gli dà il lavoro, e lo scrivo con grande serenità e ironia. Che ne dite di prendervi/ci tutti un po’ meno sul serio?

  22. Giulio Mozzi Says:

    Sì, Cinzia, sono frasi autolesionistiche. No, non sono battute. Sì, la maggior parte delle milletrecento/millequattrocento opere che ricevo ogni anno mi sembrano tremende, e ogni volta mi stupisco di come si possano scrivere – dedicandoci tempo, fatica – cose così evidentemente brutte o inconsistenti, senza accorgersene. No, non c’è piaggeria: le donne tendono a non scrivere sciocchezze nelle lettere accompagnatorie, tutto qui; è una constatazione (e d’altra parte, che movente potrebbe avere la piaggeria?). A darmi lavoro e a pagarmi uno stipendio è, al momento, l’editore Marsilio: chi mi manda qualcosa da leggere cerca un’opportunità per sé, mica altro. Quando dici che “conosci un po’ il giro”, di quale “giro” parli?

  23. Cinzia Says:

    Il “giro” a cui mi riferivo è semplicemente quello degli editor e dei servizi editoriali in generale.

  24. Christian Says:

    11. Dostoevskij è morto. Ma io no.

  25. follettina747 Says:

    Il punto numero 9 m’è piaciuto assai assai😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...