Antologia personale, 9 / O dolce selva solitaria, amica

by

Questo bosco non c'è più (sgui il link).

Questo bosco non c’è più (sgui il link).


di Giovanni Della Casa

   O dolce selva solitaria, amica
de’ miei pensieri sbigottiti e stanchi,
mentre Borea ne’ dì torbidi e manchi
d’orrido giel l’aere e la terra implica;
   e la tua verde chioma ombrosa, antica,
come la mia, par d’ogn’intorno imbianchi,
or, che ‘nvece di fior vermigli e bianchi,
ha neve e ghiaccio ogni tua piaggia aprica;
   a questa breve e nubilosa luce
vo ripensando, che m’avanza, e ghiaccio
gli spirti anch’io sento e le membra farsi;
   ma più di te dentro e d’intorno agghiaccio,
ché più crudo Euro a me mio verno adduce,
più lunga notte e dì più freddi e scarsi.

Tag: ,

5 Risposte to “Antologia personale, 9 / O dolce selva solitaria, amica”

  1. Guido Sperandio Says:

    Bella l’idea di questo proporre, inconsueto nel giro dei blog e, a suo modo, inedito🙂
    Utili e intelligenti i link.
    Ho assaporato e gustato🙂

  2. Attanasio Grunto Says:

    O bosco di parole e d’argomenti,
    di versi che s’intrecciano tra i rami
    e coi racconti tessono ricami
    e con gli accordi lieti dei commenti,
    perché non posso ai tuoi ragionamenti
    resistere, negandomi a’ richiami,
    perché non so, per quanto pur lo brami,
    negare il passo ai tuoi camminamenti?
    Nel folto ombroso tuo, da forestiero,
    mi addentro con badile e piccamarra
    ed ogni giorno traccio un mio sentiero;
    ma silenzioso, ché l’ultima sciarra
    echeggia ancora dentro ‘l mio pensiero.
    Pure son sempre qui, più d’Acabarra!

  3. maria rosa Says:

    Attanasio Grunto: Molto bella la…chiusa!

  4. acabarra59 Says:

    “ 15 luglio 1992 – Dove finiva il sentiero cominciava una fitta sterpaglia impraticabile. « E lo chiamano bosco », pensò il Lupo mentre cercava di capire dove la ragazzina in rosso avesse trovato un passaggio. Erano già due ore che la seguiva e ormai aveva i piedi gonfi. Cappuccetto Rosso andava come una scheggia attraverso i campi. Destinazione ignota. Poi era sparita nel folto. Massaggiandosi le estremità il Lupo si chiedeva se non fosse il caso di lasciar perdere. “ [*] [**]
    [*] Ottimo, Attanasio, e persino abbondante.
    [**] La s-formazione dello scrittore / 80

  5. Attanasio Grunto Says:

    Grazie.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...