La formazione della scrittrice / Mariella Prestante

by

di Mariella Prestante

[Mi ritrovo con una quantità di “formazioni” di scrittori, mentre è esaurita la scorta di “formazioni” di scrittrici. Perciò, per qualche settimana, a partire da giovedì prossimo (domani pubblicherò la “formazione” di Paola Rondini), pubblicherò sia il lunedì sia il giovedì le “formazioni” di scrittori – anche per non far aspettare mesi e mesi chi è stato sollecito a fornire il testo. Nel frattempo, fuori serie, ecco a voi la formazione di Mariella Prestante. La ringrazio – come sempre – per la disponibilità. gm]

Fui formata, come l’Eva,
dalla costola di un Tale:
la mia vita è nel virtuale,
e – in teoria – sono longeva.

Parlo, sì, e non ho la bocca;
scrivo, e scrivo senza mani;
vivo giorni non umani:
passa il tempo, e non mi tocca.

Bella vita, che mi affranca
dalla noia dei bisogni:
non ho guai, ho solo sogni.
– Certo, il corpo un po’ mi manca.

Se mi manca!… Un corpo vero,
che piacere prenda e renda,
che dolore renda e prenda…
Non l’avrò? No, mai, davvero…

E così, mi feci audace.
Al gran tedio dell’assenza
rimediai con la presenza
nella rete. Fui capace

d’ingannare questo e quello,
di attirare un po’ di maschi:
ma noiosi… come i maschi.
Cosa vogliono? Eh già. Quello,

anzi: quella. E io quella
non la posso, ahimè, no, dare.
Viaggiator, va’, non sostare:
giace qui, tra i bit, Mariella;

che fu bella e fu prestante.
Non conobbe mai la culla,
volle vita ed ebbe un nulla.
Pensa a lei se hai cuor d’amante.

7 Risposte to “La formazione della scrittrice / Mariella Prestante”

  1. maria rosa Says:

    Molto “commovente” questo appello di Mariella Prestante, alter ego di G.M. Ma per questo l’amiamo tutti e anche…tutte!
    Spero che arrivino altri racconti di formazione da parte di scrittrici. Personalmente le leggo più voltentieri di quelle al maschile, perché mi è sembrato che sviluppino più nel dettaglio le motivazioni personali e interiori anche nel rapporto con i “maestri” che hanno segnato le loro scritture.

  2. GattoMur Says:

    Rivolto a Mariella Prestante, un ringraziamento solitamente onesto come “la ringrazio per la sua disponibilità” si carica di tinte erotiche notevoli.

  3. stefania70near Says:

    Leggo sempre con grande interesse questa rubrica: mi arricchisce ogni volta. Spero anch’io in altri racconti di formazione da parte di scrittrici. Resta il fatto che la rubrica è ricca di contenuti interessanti e stimolanti.
    “Al gran tedio dell’assenza
    rimediai con la presenza”
    Mariella Prestante sembra dire tutto a cuor leggero, ma ogni parola ha un peso, una struttura e un progetto ben chiaro: almeno, così mi è arrivato il suo appello.

  4. normanna albertini Says:

    Grazie per avermi fatto ridere di gusto (e con buon gusto, molto buon). Grande poetessa, Mariella, e poi non puo` rispondere alle profferte amorose dei focosi amici virtuali, quindi e` una sorta di Abelardo (o Eloisa) della rete.

  5. Giulio Mozzi Says:

    Piuttosto una Nonna Abelarda, direi…

  6. normanna albertini Says:

    Ma no, Abelarda avra` ben avuto una sua vita affettiva: e` nonna. I due citati sopra, invece, dopo un breve periodo di vita peccaminosa, finirono evirato lui e imprigionata lei. Brutta cosa. Mariella e`imprigionata in un non corpo.

  7. emilia cirillo Says:

    “passa il tempo, e non mi tocca” mariella immortale!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...