L’altarino (Le cose che ci sono in casa, 120)

by

di Mery Carol

[Le regole del gioco sono qui].

C’era già
quando comprammo casa,
tra la camera
e la cameretta
in fondo al corridoio,
quella mensola angolare
con la statuetta
dell’Immacolata Concezione
in pregiata porcellana
della real casa napoletana.
L’imbianchino senz’attenzione
la fece cadere
e fu un miracolo
se la Vergine rimase intatta
e la coda
di Satana si scheggiò.

È ancora in quell’angolo
l’altarino di legno
con la Vergine
rifulgente
sulla tovaglietta
orlata di merletto
all’uncinetto,
le viole nel vasetto
e la lampadina
di tre candele
accesa notte e giorno
per quel voto
che mamma fece
a implorare il ritorno
sano e salvo di papà
partito volontario
per onorar la Patria
in Africa Orientale.

Altarino mio,
chi mai spegnerà
il tuo brillio?

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...