Pubblicità

by
Non è mai troppo tardi per iscriversi alla Bottega di narrazione.

Non è mai troppo tardi per iscriversi alla Bottega di narrazione.

Fonte dell’immagine.

10 Risposte to “Pubblicità”

  1. Nadia Bertolani Says:

    Sì che è tardi, sono fisicamente e mentalmente vecchia. E figurarsi se ho voglia di farmi strapazzare dal salace Giulio!

  2. viola Says:

    Non é mai troppo tardi , per qualunque cosa.hai visto il film di Woody Allen non é mai troppo tardi ? Saluti Viola

  3. viola Says:

    Il titolo del film di Allen é Basta che Funzioni😉

  4. RobySan Says:

    In quelle condizioni, poi, si snocciolano solo trame essenziali.

  5. Giulio Mozzi Says:

    Eh, Nadia. Pensa che “salace” viene “dal lat. salāce(m), deriv. di salīre ‘saltare, balzare’ e, con valore tr., ‘montare (la femmina)’ detto di animale; il sign. di ‘mordace, pungente’ per accostamento a sale” (diz. Garzanti9. D’altra parte, “strapazzare” viene da “strappare”, con un’intensificazione peggiorativa del tipo di quella che da “ghignare” fa “sghignazzare” e da “cacare” fa “scacazzare”.

    Che significa dunque, etimologicamente, Nadia, essere strapazzati da un salace?

    Roby: hai mai provato – prendendo le parole alla lettera – a snocciolare una trama? (Dev’essere più o meno come ordire un’oliva…).
    😉

  6. stefaniazan8 Says:

    L’essenziale che regge, però.

  7. RobySan Says:

    Roby: hai mai provato – prendendo le parole alla lettera – a snocciolare una trama? (Dev’essere più o meno come ordire un’oliva…).

    Non faccio altro. Snocciolo trame e frango capitoli. Ricavo olio di lettere di qualità superiore, ottenuto esclusivamente con procedimenti meccanici e trattamento a freddo. Ordire olive è abbastanza semplice: si prendono olive, molte, e le si allinea su di un tavolo di marmo. Ci si procura quindi un ago da materassaio medio (medio l’ago, non il materassaio) e spago da sarto sottile (sottile lo spago, non il sarto) quindi, con pazienza da pensionato, o da ergastolano, o da asceta, o da santo (insomma, con la pazienza che non hanno certi pazienti) si dà il via alla infilatio. Si ordisce [lat. ordiri «cominciare a tessere»] la fila d’olive. Si può fare anche con i chicchi d’uva: è più facile e conviene, per allenarsi, cominciare con questi ultimi.

  8. Nadia Bertolani Says:

    Viola, ti rimando alla risposta che mi ha dato Giulio: penso che basti. E a Giulio: dunque non avevo ragione? In questo blog nessuno si ricorda che sono una signora.

  9. Giulio Mozzi Says:

    Hai ragione, Nadia.

  10. Nadia Bertolani Says:

    Bene, può bastare.😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...