Il luogo dei libri (Le cose che ci sono in casa, 75)

by

di Antonio

[Le regole del gioco sono qui].

Le cose che ho in casa
non sempre le ho comprate
così come si vedono.
Alcune le ho costruite
con le mie stesse mani,
anche se sembrerà arduo
a chi già mi conosce
pensare che la cosa
sia opra del mio genio,
o della gran fatica
di giorni impegnativi,
già che non me ne intendo
di falegnameria
né d’alto arredamento.

Ma cosa mai sarebbe
la casa senza un mobile
utile a contenere
i mai bastanti libri
di cui mi nutro il giorno
e spesso anche di notte?

Riuscirei a vivere
senza fare l’amore,
anzi ci sto riuscendo
ormai da lunghe ere,
ma non ce la farei
senza dubbi di sorta
a rinunciare ai libri
e ai luoghi per riporli,
e forse è anche per questo
che a stento riesco a muovermi
quando aprendo la porta
cerco si intrufolarmi
tra libri accatastati
e file di volumi
disseminati in terra,
perché non altro spazio
libero c’è dentro casa
e neanche tra i pensieri
che non mi danno tregua
fino ad un’altra storia
che troverò nel libro
che nei ripiani carchi
della mia libreria
m’attende con amore,
mentre mia moglie ormai
da tempo immemorabile
se n’è già andata via,
non solo dai pensieri,
ma pur da questa casa,
che non so più gestire,
come con queste rime
che non so più trovare,
per questo altro non resta
se non fermarmi qui
e dire addio ai sogni
di gloria e qui finire.

Una Risposta to “Il luogo dei libri (Le cose che ci sono in casa, 75)”

  1. steficosta Says:

    desertico abbandone, stanze affollate

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...