Il libro (Le cose che ci sono in casa, 66)

by

di Rossana Bacchella

[Le regole del gioco sono qui].

Non mi affeziono all’oggetto,
che sia nero, lucente o perfetto
che sia d’alta tecnologia
o un ricordo di casa mia.

“Un insolito distacco
non sa mettere radici
stramba, rozza, fa l’estrosa
è trasandata con la casa.”

Anche zingara mi hanno detto.
Che sia questo il mio difetto?
Ma la mia dimora d’elezione,
è ogni posto in cui sto bene.

Sui trent’anni ci ho provato
a dare retta a un’amica:

“Per il frigo è meglio Frecchio,
per la cucina scegli Pacchio,
il tessuto dei divani Marziale
mi pare davvero particolare. “

Impermeabile a ogni sua idea
sul mio peccato ho rimuginato
con lo sguardo ipnotizzato
dal led di una lampadina Ikea.

E una notte il ricordo mi ha turbata
della pienezza, mai più provata
in quella squallida casa popolare
dove tele e lavatrice potevano mancare

ho dato una gran sbuffata
sul libro mi sono concentrata
e nel viaggio mi sono imbarcata.

Ecco il libro,
per il viaggio, non per l’oggetto,
è il mio compagno di casa perfetto.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...