L’adattatore elettrico (Le cose che ci sono in casa, 61)

by

di Cristian Miotto

[Le regole del gioco sono qui].

Tiro il cassetto con robe della nonna
e c’è l’adattatore
con due soli contatti
senza quello a terra,
così gli dico a Sara
che c’era questa presa
che era andata fuori uso, improvvisamente,
inopinatamente,
e non c’era un’altra uguale
e allora ci voleva questo adattatore, questo coso,
questo tocchetto di plastica marrone
e noi lo si cercava
non lo si trovava
ossigeno azzerato
la nonna boccheggiava
e lei proprio rischiava
la casa sottosopra
correva mia sorella per raggiungere il negozio
e poi era lì il coso,
che ho buttato l’occhio, casualmente
inopinatamente,
che stava sotto il letto.
E a mia nonna gli ha regalato due anni in più di vita,
il coso,
questo.
Non so se mi hai capito, poi gli dico a Sara.

Sì, mi dice Sara,
come quei due morti,
in moto,
sulla Pontebbana,
e la guidatrice dell’auto investitrice
lei si era piegata
giù solo un momento
che era caduto giù sul tappetino
il suo telefonino
e allora la sbandata
e l’invasione dell’altra carreggiata
e i due non l’han scampata,
morti,
inopinatamente,
ancora prima dei soccorsi.

Tag:

3 Risposte to “L’adattatore elettrico (Le cose che ci sono in casa, 61)”

  1. Cristian Says:

    ehilà!poeta! tappetino con una t

  2. Alessandra Celano Says:

    è stato corretto il tappetino

  3. Cristian Says:

    ok, ma era solo un giocoso autodileggio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...