Il cassetto (Le cose che ci sono in casa, 2)

by

di Gianluca Trotta

[Le regole del gioco sono qui].

Quel cassetto sembrava rappresentare tutto ciò che non andava nella sua famiglia. Che disastro! (Ian McEwan, L’inventore di sogni)

Oh tu, cassetto pieno di ciarpame,
di pile scariche, di candeline,
di scotch, post-it, Prit secca e macchinine
rotte, elastici, spago e fil di rame,

biglie, chiodi, cocci di vasellame,
nastro adesivo, forbici, puntine
da disegno, fogli scritti a dozzine.
Quante volte di te vorrei far strame?

Poi mi prende pietà di tua esistenza:
in fondo sei lo specchio del mio “io
profondo”, sei evidente allegoria,

riveli a me la mia inefficienza,
il fallimento, tutto lo sciupio.
E perciò: viva la tua anarchia!

Tag:

Una Risposta to “Il cassetto (Le cose che ci sono in casa, 2)”

  1. amanda Says:

    quei cassetti lì sono come una foto scattata da una macchinetta per fototessera istantanea

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...