Edgar Lee Masters meets Alessandro Manzoni / Antonio Ferrer

by

di Cristina Venneri

[Le regole del gioco. Tutti i testi. Informazioni sul personaggio].

Per una vita intera mi trascinai
alle spalle il peso della toga
per essere nato nobile e tale
dover morire senza rischiare
di farmi maledire dalla massa,
come accadde allo sventurato vicario
che andai a salvare quando
quei recalcitranti, pusillanimi abboccatori,
erano pronti a crocifiggerlo con le loro mani.
Bastò drizzarmi sul predellino e promettere
“pane e giustizia” sorridendo a ognuno
a fargli credere di esser diventati amici
per aggraziarmeli ancora.
Strisciando tra la moltitudine
strinsi lo strascico a me, mia armatura.
Andai a ritirare le grazie profuse
dal mio debitore e passando tra file
di michetti mi sovvenne un ricordo
dei miei studi classici.
La toga si rivelò un vello d’oro
e con la riverenza di uno schiavo
fino alla morte mai me ne separai.

Pubblicità

Tag: ,

2 Risposte to “Edgar Lee Masters meets Alessandro Manzoni / Antonio Ferrer”

  1. chiara Says:

    che bella

  2. Nadia Bertolani Says:

    Brava Cristina! La toga come vello d’oro è un’intuizione veramente felice. E la “metafora del potere” è resa con grande efficacia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: