Lodi del corpo maschile / Il petto

by

di Anna Ruotolo

[Vuoi partecipare alle Lodi del corpo maschile? Leggi qui. C’è tempo fino al 30 settembre 2013 (non oltre). Per leggere tutte le Lodi del corpo maschile, guarda qui].

Sul tuo petto esistono due porte:
 
una a destra, l’altra che si sposta
dal centro verso sinistra
 
con la naturalezza dell’acqua fra l’erba
e dentro le nuotate d’estate
e tutte le perdite che un giorno,
presto, hanno inizio.
 
Così se apri l’una, l’altra è chiusa
e tale deve rimanere. Tale è il suo
ruolo e lo scotto. Allora mi chiedo
quale sia giusto spalancare
sugli orti che ti vedo nei nervi
e le colline che annuso nei muscoli.
 
Se prendo (e così è andata)
la strada per la prima, la destra,
si apre – perché si aprì davvero –
una vallata di cose nuove
e animali di specie inabissate
e metrature vaste e piccoli, calmi
terremoti dal giorno alla notte,
per avvisare dell’ordine perfetto,
per farmi entrare
nell’antro della pace.
 

Ma quando ho preso, una volta,
per caso e per dimenticanza
del nascosto e del privato
la tua porta del centro
un poco spostato
a sinistra e ho avuto nell’occhio
la luce che non può
tornare in quel modo due volte di fila
 
quando l’ho scostata piano, nemmeno
con furia perché mi sentivo pronta
a tutto, bardata da guerriero lucente
 quindi entrando quasi senza fendere
l’aria, lasciando per poco l’impronta
nel vano (di certo come sarebbe
venuto a tutti di fare)
 
fu lì che la stagione invereconda
di tormente e sole a intermittenza
e il giro delle mappe e l’incostanza
dei territori che v’erano
e pure i suoni millenari sentìti
e i tamburi battenti da una costa
all’altra
mi atterrirono. Ebbi paura di quanto
tu potessi contenere, della moltitudine
della quale fosti padre, lo sei sempre
e non lo dai a vedere.
 
Invece – entrata – fece buio, quiete
la neve si fermò sull’ultimo nocciòlo
il giro di grammofono fu lento
la primavera ebbe la meglio,
il gioco s’assestò.
Trovai da sedere e da mangiare.
Da allora vi feci il mio luogo
ed ogni volta ritorno
– tu lo sai –
come nella casa delle più
mansuete tra le bestie,
come nel fuoco
dei più brillanti tra i ghiacciai.

Tag:

3 Risposte to “Lodi del corpo maschile / Il petto”

  1. manu Says:

    complimenti per la delicatezza
    quel ‘trovai da sedere e da mangiare’ sa di riposo del viandante
    parole calme in cui mi sono intrattenuta volentieri la prima volta, e che torno a rileggere per il gusto di farlo

  2. Mery Carol Says:

    Questa è una lode con i fiocchi. Bellissima, delicata, elegante. A parer mio, è scritta proprio come si conviene. Niente a che vedere con la sfacciataggine riscontrata altrove.

  3. Giulio Mozzi Says:

    Per esempio dove, Mery?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...