Madrigali della porta, 42

by

di Giuseppe D’Onofrio

Se ora tu bussassi alla mia porta,
dato che non ho più voglia di piangerti
in quest’ennesimo tuo vestito nero,
preferirei restare da una parte
sul bordo basso del nostro letto caro,
guardarti di riflesso incorniciata
in tre quarti di specchio.
Mi godrei adesso – ultimo spettacolo –
l’arte breve del gesto
che ti spoglia davvero,
la lieve meraviglia del tuo sguardo
l’incitamento muto,
il tifo onesto,
lo svelamento cauto della voglia.

Vuoi partecipare (entro il 30 giugno 2013) ai Madrigali della porta? Leggi le istruzioni.

Pubblicità

2 Risposte to “Madrigali della porta, 42”

  1. Maurizio Paolucci Says:

    Per dirlo alla fiorentina: Questo mi garba davvero di molto!
    Bravo Mozzi!

  2. Giulio Mozzi Says:

    Per errore mio, risultavo io come autore del testo. Ora ho corretto e ho messo il nome del vero autore: Giuseppe D’Onofrio. Mi scuso con lui e con chi legge.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: