59′ 15″

by
Giulio Mozzi è proclamato vincitore del Premio Settembrini

Giulio Mozzi è proclamato vincitore del Premio Settembrini

Che cos’è il Premio Settembrini?

Tag:

7 Risposte to “59′ 15″”

  1. Marco Says:

    Mi viene in mente, Giulio, riguardo il sottotitolo della raccolta “storie credibili”) che Berlusconi si è sempre presentato come un personaggio un po’ “incredibile”: uomo che dal niente diventa miliardario, pieno di donne, di risorse, Cavaliere Mascarato, uomo che dice di se stesso di essere invicibile, uomo dei record eccetera e adesso quest’uomo “incredibile” soffre guarda un po’ proprio di “credibilità”.
    Il tuo rovesciamento fa pensare.
    Contro le storie che sono “incredibili” (come sinonimo di “roboante, “eccezionale”) ma sono “vere”, tu racconti storie che non sono “vere” ma sono “credibili”. Fatti minimi, avvenimenti di ogni giorno – però mai accaduti -, contro fatti rocamboleschi, picareschi, romanzeschi che però sono realmente accaduti (o che così si pretende di presentarli al lettore – come accade nei romanzi ottocenteschi). Come se l’abilità “romanzesca” sia quella di costruire oggigiorno un fatto che di romanzesco abbia poco o nulla.
    Questa arrivati a questo punto è l’abilità (o l’esigenza) vera.
    Questo chiedi alla letteratura, e chissà, forse anche alla realtà – credibilità.

  2. Antonio Maria Logani Says:

    Credibile o incredibile, ciò che conta è quello che abbiamo giornalmente sotto i nostri occhi.

    Auguri a Giulio Mozzi, Campione di scuola di Scrittura e campione nel raccontare l’incredibile rendendolo credibile e viceversa.

    Anguri anche a Marino Magliani, il quale, oltre ai suoi libri, mi ha conquistato con la sua bontà, il suo sorriso e, cosa grande ma rara, la sua amicizia.

    Auguri, comunque, a tutti i concorrenti del Premio Settembrini, alla Signora De Gregorio, alla Giuria e tutti i partecipanti alla premiazione.

  3. Feliciana Says:

    Complimenti Giulio ! Sono molto felice che il tuo lavoro abbia avuto un giusto riconoscimento.

  4. mauro mirci Says:

    Volevo complimentarmi per il discorso (evidentemente arguto e divertente, se ridono), ma, in tutta onestà, mi son sentito “L’uomo che non capiva troppo” (hai presente 610 su radiodue?). Allora mi complimento per la bella vittoria e per i pantaloni color Rimmel di Laurana.

  5. Giulio Mozzi Says:

    Ci hai ragione, Mauro.

  6. Antonio Says:

    Complimenti Giulio!

  7. damiano lazzaro Says:

    Ma non crediate che io stia per svelare un mistero o per scrivere un romanzo.
    (Poe, I delitti di rue Morgue)

    Complimenti Giulio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: