Da “Sonetti d’amore per King Kong” (1977)

by

di Gino Scartaghiande

Primo notiziario da ieri mattina

Quale la tua ora dove
dormi? Hai ricordi di spazi?
Quest’ora questo spazio
ti presagisce come suo signore.
Caro mostro ristretto
al più ampio. Incamminati
insieme verso l’anfora
che gli universi serrano
nel loro fondo blu.
A portare il miele
raccolto tra una stella e l’altra.
Io sarò per te la più
avventurosa prostituta.
In verità già ieri mattina
la mia casa sorrideva
d’universi bambini. Ma quale
la tua ora dove dormi? Hai
ricordi di spazi?

Per saperne di più

Tag:

Una Risposta to “Da “Sonetti d’amore per King Kong” (1977)”

  1. Rosa Salvia Says:

    Gino è un mio carissimo amico da anni! Quando nel 1977 pubblicò qui a Roma con la Cooperativa scrittori questi sonetti che conservo gelosamente, Elio Pagliarani nell’ultimo numero di “Periodo ipotetico” definì la sua “poesia filosofica”, che ritrova il giudizio, anche sprezzante, nei confronti del mondo miope e congelato che lo circonda, un giudizio di natura espressionistica e lirica insieme. Come Gino stesso scrive in una lettera: “E’ la rottura degli specchi, dello specchio primordiale, fluttuante ancoraggio, luogo di tutte le identificazioni, di tutte le beanze soggettive. Si potrebbe anche pensare, rifacendosi alla fantasia inesauribile di Deleuze, alla rivolta dei burattini rispetto al proprio manipolatore, gestore, rappresentante del potere…” Grazie, Gino, per la tua amicizia, per l’incisiva efficacia delle tue provocazioni. Rosa Salvia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: