Leggere è il cibo dei tarli

by

[…] Se l’Uomo è messo più o meno come accessorio, la donna/lettrice, bella e romantica come la ragazza, o caparbia e ironica come la nonna, cioè le uniche altre rappresentazioni della donna accettate in uno spot dopo la perfezione delle modelle, o fa da baby-sitter o tiene in mano, al massimo, un quotidiano. Ma non è mai raffigurata nell’atto di leggere. Così come per vendere il budino, la donna (ma con un’altra funzione) lo mangia, il collant lo indossa, le cremina antirughe la spalma, in questa immagine manca l’atto, la prassi. Leggere quindi è un’idea, un mito. Il mito della Letteratura, che emoziona (e inevitabilmente fa piangere, ma solo le donne), che ci tiene compagnia come uno yorkshire, che esiste, in sostanza, anche se nessuno la legge. […]

Nell’Archivio Caltari trovate, qui, un’interessante analisi dell’ultima campagna ministeriale per la promozione della lettura.

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: