I doni del cielo / I racconti del terremoto, 8

by

di Enrico Macioci

[Enrico Macioci abita a L’Aquila. Attualmente è ospite di parenti nella Marsica. Questo racconto è l’ottavo di una serie di dieci. Se vuoi, puoi prelevare il testo in pdf].

L’uomo, superato il quartiere di San Giacomo, continuava a salire per una vecchia strada stretta, in mezzo a campi brulli punteggiati di mandorli, col Gran Sasso impresso nel sole del mattino sullo sfondo. Dietro e sotto di lui la città impazziva; un alveare di macchine cercava d’uscire da se stesso, ma non v’era modo d’arrivare all’autostrada, e l’autostrada era stata chiusa.

L’uomo, la barba lunga, i capelli neri e folti in disordine, la camicia fuori dai pantaloni e un giaccone sulle spalle, osservava i pochi edifici sul pendio; sembravano sani. Ripensò a casa sua, alla libreria che gli era caduta addosso mentre si rifugiava sotto la trave portante causandogli una ferita sulla spalla che aveva inzuppato di sangue la camicia, ai piatti, alle brocche e ai bicchieri distrutti, al pianoforte smosso di trenta centimetri dal muro, ai vasi di ceramica di Castelli infranti, agli scricchiolii sinistri del palazzo intero, al frastuono immenso come il cosmo, e sferrò un pugno sul volante. Si fece male e sentì, inattesa, una punta d’appetito. “Ho fame” ragionò. “Sono un idiota?

Dietro una siepe d’arbusti, sulla destra, sbucò un’abitazione. Si trattava d’una cascina a due piani, bianca, con gli scuri delle finestre verdi e un balconcino fiorito sopra la porta d’ingresso. Davanti c’era uno spiazzo terroso, e più in là un orto e un capanno. Più in là ancora, un recinto di pali e filo spinato con dentro polli e galline, qualche pecora, poche vacche. Alcuni metri innanzi alla facciata, accomodate su sedie di plastica attorno a un tavolo di plastica, quattro persone, due maschi e due femmine, facevano colazione. L’uomo accostò l’auto, fermandosi. I quattro lo guardarono senza smettere di mangiare. L’uomo spense l’auto e scese, stupendosi dell’aria già così calda. Guardò la città a valle, e gli venne in mente quando osservava il corpo del padre moribondo, durante gli ultimi giorni d’agonia, tanto tempo prima. Una tanfo d’animali lo raggiunse, distogliendolo da inopportune rimembranze; s’avvicinò ai quattro, che non davano segno d’inquietarsi o incuriosirsi per la visita. Erano evidentemente marito e moglie, entrambi sui cinquant’anni, col figlio e la figlia. Il figlio poteva avere vent’anni, mentre la figlia sembrava più grande, già donna adulta. Lo guardavano in silenzio, lavorando di mascelle.

“Buongiorno” salutò l’uomo.

“A lei” rispose il padre, un tipo tarchiato, con occhi sporgenti e un rozzo maglione grigio. La moglie, sciatta e voluminosa, con la faccia e la bocca sviluppate in larghezza e un grembiule lordo, fece un cenno con la mano. I due figli tacquero.

L’uomo giunse alla tavola. “Ho fame” disse. “La mia casa è crollata. La macchina è a posto. Sto andando via dalla città. Sapete, nemmeno un bar aperto, stamattina.” Tacque, poi: “Sarò pure un idiota, ma ho fame.”

“Mi dispiace” ribatté il padre. “Adamo, vai a prendere una sedia per il signore” ordinò al figlio, un ragazzo dinoccolato con capelli biondo cenere e occhi assenti, liquidi. Il ragazzo s’alzò, ci pensò sopra, quindi entrò in casa. “Questa è mia moglie, e lei si chiama Eva” continuò l’uomo, indicando consorte e figlia. La figlia si rizzò per prendere un tovagliolo di carta pulito, una tazza e un cucchiaio all’ospite. Era piuttosto alta, ben fatta, quasi corpulenta. Indossava pantaloni della tuta rosa e una maglietta celeste aderente, da cui s’intravedevano le coppe del reggiseno. L’uomo la desiderò. “Dopo l’appetito, il sesso” pensò stupito. “Da quant’è che sei a secco? Non te lo ricordi più?

Adamo tornò con una sedia identica alle altre. “Grazie” disse l’uomo sedendosi. Il ragazzo ciondolò il capo e non rispose, tornando al posto. L’uomo si rese conto di non essersi presentato, e che nessuno gli domandava il nome. “Meglio così” pensò, non sapendo nemmeno lui bene perché. “Niente nome, niente grane.”

“Vuole latte o caffé” chiese la madre.

“Caffé” disse lui.

La donna gli versò nella tazza sei dita di caffé nero fumante. “Torta? Biscotti? Pane e salame? Un uovo? Una frittata?” chiese la donna.

“Pane e salame è la cosa migliore, a quest’ora” intervenne il marito, pulendosi i denti con un’unghia e schioccando la lingua.

“Grazie, ma andrà bene il ciambellone” replicò l’uomo.

“E’ buono. E’ con le scaglie di cioccolato. L’ha fatto Eva ieri pomeriggio. Vero che l’hai fatto tu, Eva?” La madre guardò la figlia di sbieco.

“Sì” ribadì Eva, compunta. Sembrava vergognarsi della presenza dell’uomo, e accorgersi che l’uomo l’osservava. Non si capiva se le facesse piacere o le desse fastidio. Aveva capelli castani lunghi e occhi del medesimo colore. Le mani erano affusolate, al contrario del fisico robusto.

“In tal caso” osservò l’uomo, suo malgrado misurandola con gli occhi “dovrò fargli onore.”

“Onore!” ripeté il ragazzo quasi in un urlo, rompendo per la prima volta il proprio silenzio.

“Adamo!” lo redarguì la madre.

“Che c’è? Stavo gioendo che il signore onorerà il ciambellone. Sono contento per Eva, che il signore onorerà il ciambellone. Tu non sei contenta, Eva? Non sei contenta che il signore onorerà il tuo ciambellone?”

La ragazza arrossì, ma prima che potesse replicare intervenne la madre: “Sta’ zitto e mangia, oppure sparisci. Abbiamo ospiti” rimbeccò, mentre il marito continuava a pulirsi il cibo fra i denti, aiutandosi con uno stecchetto.

L’uomo prese un pezzo di ciambellone e iniziò a mangiare. Era buono. “Che fame. Che fame che ho” rifletté. “Non so dove andare, la mia città è distrutta, ma ho fame, e mi piace guardare la ragazza. Istinto di conservazione. Attaccamento alla vita. E’ così che lo chiamano. E’ così che si va avanti. Non so neppure quando avrò nuovamente una casa, e non ricordo quando ho avuto l’ultima volta una donna, ma intanto mi godo il suo ciambellone e mi guardo il suo corpo.”

“Se lo bagna nel caffé, è ancora più buono” consigliò il padre, rigirandosi lo stecchetto in bocca.

“Già” convenne l’uomo; e immerse il ciambellone nel caffé caldo.

“E’ ancora più buono!” ripeté il figlio, la voce in falsetto. L’uomo non riusciva a capire se il ragazzo fosse normale oppure no. “Ancora più buono!”

“Sta’ zitto” gl’intimò il padre. “Adesso te ne vai a mungere.”

“A mungere?” esclamò quegli indignato. “Oggi tocca a Eva mungere! Tocca a lei! A lei!” Il suo labbro superiore tremava, scoprendo incisivi felini. Gli occhi incolori, sporgenti come quelli del padre, ruotavano nelle orbite. Le narici si dilatavano.

“Toccherebbe a lei, ma abbiamo ospiti, scimunito” sussurrò al ragazzo con voce minacciosa la madre.

“Siete ingiusti. Ingiusti!” protestò Adamo alzandosi di furia. “E anche tu, bada!” si rivolse alla sorella con cipiglio duro, benché le pupille gelatinose stentassero a consolidarsi in un’espressione definita. La sorella non gli badò e continuò a sorseggiare il caffé, tenendo la tazza con le mani a coppa, le dita lunghe quasi fino all’orlo. L’uomo non riusciva a immaginare quelle dita mungere una vacca. Il resto del corpo sì, data la vigoria, la prepotenza delle forme; ma non le dita. La fanciulla guardava la città con distacco.

“Non voglio crearvi problemi” disse l’uomo, a disagio. Quando aveva accostato desiderava soltanto mangiare un boccone e non pensare al cataclisma, ma ora gli sembrava assurdo che il cataclisma s’alzasse dimentico al cielo. “I bar erano chiusi – no, erano crollati. Avevo fame. Tutto qua. E non sapevo che ci fosse una giovane donna attraente con quei seni così tosti. Non lo sapevo. Che colpa ne ho?

“Non ci crea nessun problema” ribatté il capofamiglia. “Adamo! Vai!”

Il ragazzo, rovesciando la sedia e scalciando un vaso di fiori, s’allontanò in una nube di bestemmie.

“Lo scusi” biascicò la madre. “Siamo gente ignorante.”

“Non si preoccupi” rispose l’uomo, prendendo un’altra fetta di ciambellone.

“Ma Eva andrà presto all’università, dopo l’estate” aggiunse subito la madre con orgoglio, sbirciando la figlia in un lampo ambiguo.

E’ giovanissima!” ragionò l’uomo. Si rivolse alla fanciulla. “E dove vai – dove andavi – a scuola?”

“Laggiù, all’istituto tecnico commerciale” rispose la ragazza, indicando un vasto edificio di cemento in fondo al colle, senza alcuna emozione.

“Adesso come farai a finire l’anno?”

“Non lo so.”

“Che università vorresti prendere?”

“Legge. Voglio diventare magistrato.”

Col cavolo” pensò l’uomo.

“Voglio diventare magistrato e difendere tutti, ma specialmente le donne. Non crede che le donne abbiano particolarmente bisogno di protezione?”

La madre se la mangiava con gli occhi. Il padre aveva finito di pulirsi i denti; gettò via lo stecchetto e ruttò.

“Beh, immagino di sì” replicò l’uomo. Gli sembrava che la ragazza avesse infilato nella domanda un senso nascosto che a lui sfuggiva.“Possibile che nessuno mi chieda come sto, come stanno i miei cari, come sta la mia casa?” considerò. “Forse da quassù non si rendono conto dell’accaduto. Non ci vuol molto, però. Non ci vuol molto. E poi la terra avrà pur tremato, anche se la cascina è intatta. Gente strana. Al diavolo, avevo fame e mi sono sfamato. Adesso saluto e vado via, bella o non bella che è.” Soggiunse alla ragazza: “Se sei brava negli studi come a fare dolci, ci diventerai di sicuro, magistrato.” Si sentì un po’ carogna a sbeffeggiarla, ma l’indifferenza (giacché non si trattava di riservatezza) di lei e della famiglia l’offendevano visceralmente.

Ella non replicò. Un sorriso increspò le sue labbra, un bagliore enigmatico le piovve negli occhi. Si rizzò, cominciando a sparecchiare.

Certo che dimostra più dei suoi anni” valutò ancora l’uomo. Poi, finito di bere il caffé: “E’ ora d’andare per me, credo. Vi ringrazio dell’ospitalità.”

Il padre s’alzò, grattandosi la pancia. “Favorisca un grappino, prima. E’ speciale. Lo faccio io.” La moglie s’affaccendava a mettere a posto la tavola, con una sorta di strana eccitazione.

“Ci sto” disse l’uomo. E pensò: “Se non ve ne frega un accidente di come sto, almeno sfamatemi e datemi da bere, bestie.”

Il padre s’allontanò, subito seguito dalla moglie; e al tavolo rimasero soltanto l’uomo e la ragazza. Adesso la ragazza guardava l’uomo dritto in faccia. Ogni pudore sembrava sparito dai suoi occhi. Il fratello armeggiava dietro le vacche, presso un macchione. Ogni tanto imprecava a voce alta, ma restava invisibile. La scena parve all’uomo irreale, una sorta di rappresentazione messa su per lui. Si voltò verso la città, cercando di non indugiare con lo sguardo sulla ragazza. Lei gli disse: “Mi accompagni nella stalla?” E indicò il capanno.

“A fare cosa?”

“Facciamo l’amore.”

L’uomo rimase interdetto. I seni della ragazza premevano contro la maglietta. I suoi fianchi ardevano nella tuta. “Forse sto sognando” si disse l’uomo. “Avevo fame, e ho mangiato. Avrei voglia della ragazza, ed è lei a offrirmisi. Una cosa del genere nella vita reale non capita spesso.” Ripensò con acrimonia all’ex moglie, lontana, in un’altra città, in un’altra vita. Remota dai guai. Ripensò all’elefantino di vetro soffiato preso a Murano che adesso giaceva con le zanne e un orecchio in frantumi sul parquet della sala, alle calamite comperate in tanti aeroporti d’Europa e del mondo che s’erano staccate dal frigo e costellavano le piastrelle della cucina come minuscoli naufraghi, al lume della camera scelto assieme con tanta cura e ora rotto in tre pezzi (due triangolari e uno quadrato), al tavolo di cristallo del soggiorno percorso da linee a zigzag, all’orsetto per lo zucchero decapitato nel lavandino, allo specchio dell’ingresso tramutato in un mucchio ci cocci taglienti, alle loro foto venute giù dal mobile della sala, alle cornici spaccate, ai sorrisi di quelle foto, alla falsità di quei sorrisi, infine all’inganno di quei sorrisi, la faccenda più odiosa l’inganno, il suo e quello della moglie, ma soprattutto quello della moglie. La moglie l’aveva infine ingannato.“Una cosa del genere, una ragazza così che si offre, non capita spesso” si ripeté. “A me poi, una cosa del genere non è mai capitata. E da quanto tempo non faccio sesso?

“Allora?” incalzò la ragazza, serena.

“Non so se posso” disse l’uomo.

“Non ti piaccio?” domandò lei, sapendo di piacergli.

“Mi piaci. Ma sei piccola. Potrei essere tuo padre.”

La ragazza tacque e sorrise.

“Beh, se avessi avuto una figlia quand’ero molto, molto giovane” aggiunse l’uomo.

Lei continuava a sorridere, i capezzoli turgidi e le gambe piantate a terra e un po’ allargate, come una giumenta.

“Ma io non ho figlie né figli” riprese l’uomo.

“Hai una moglie?” chiese lei.

“Ce l’avevo.”

“E’ morta stamattina?” domandò lei, con sconcertante semplicità.

“No. Abbiamo divorziato, tre anni fa.”

“Allora andiamo” l’incitò lei.

“Ma tuo padre e tua madre…”

“Oh, non torneranno.”

“Tuo padre è andato a prendere il grappino.”

“Non tornerà. Si dimentica le cose. Si dimentica anche di cose molto più serie.”

L’uomo era tentato, ma la faccenda gli sembrava incredibile, e temeva qualche trabocchetto. “Ma tuo fratello?”

“Cosa?”

“Potrebbe arrabbiarsi. M’è parso ostile.”

“Hai paura?” chiese lei, indulgente.

L’uomo sentì il sangue affluirgli nelle vene. “Di tuo fratello?”

“No, di me.”

“Perché dovrei avere paura di una ragazzina.”

“Magari perché è tanto che non fai l’amore” osservò lei. “Stai tranquillo, non sono esigente. E tu potresti averne parecchio voglia.”

L’uomo s’eccitò d’un tratto, selvaggiamente. “Infatti” ribatté.

“Seguimi” gl’ingiunse la ragazza, dandogli le spalle e incamminandosi verso il capanno oltre la cascina. Avrebbe dovuto voltarsi almeno una volta per controllare se lui la seguiva, ma non lo fece.

L’uomo la seguì. Dalla città salivano fumi e spettri. L’uomo, come in dormiveglia (“non sarò ancora nel mio letto? Non mi sveglierò da un momento all’altro, senza terremoto e senza ragazza? E sarebbe meglio o peggio? Sto impazzendo? Barattare un terremoto con una ragazza? Sono già impazzito?”) calpestò del fango, un prato stento riacceso da qualche croco, zolle da cui sbucavano radici, evitò un paio di enormi scarafaggi e svoltò dietro l’angolo del capanno. La ragazza s’infilò in una porta e l’uomo la seguì.

Si trovò in una stalla. La stalla era alta quattro metri circa, larga sei e lunga dieci. Era calda, in legno, col soffitto di travi e paglia, avvolta in un tepore dorato, l’aria ferma, quasi che il tempo non vi giungesse. Mucchi di fieno giacevano ai due lati, emanando odore d’escrementi antichi, maturi, e irradiando una calma stagnante. L’odore degli escrementi era quasi gradevole, appena troppo acuto. Le ragnatele agli angoli facevano matasse d’argento, parevano nuvole col sole dentro, e galleggiavano in una penombra distillata, lucida ma greve. Un sudore impregnava l’atmosfera, una traccia sottile di passati sforzi, una macchia di proibito, come un marchio nascosto da qualche parte là vicino, presente ma non identificabile, inafferrabile. S’udivano tubare, in alto, i piccioni. Un pulviscolo bronzeo fluttuava per ogni dove, e mosche brusivano senza posa intorno ai rastrelli piantati col manico all’insù.

Giunti innanzi a un mucchio di fieno, la ragazza si fece incontro all’uomo e gli diede una spinta sul petto con entrambe le mani. L’uomo cadde riverso nel fieno. La ragazza adesso aveva un sorriso aggressivo. Si chinò sull’uomo, gli afferrò la giacca che teneva sulle spalle e la gettò di lato, sopra un cumulo di letame secco. Poi gli afferrò la camicia per il bavero e gliela strappò, facendone saltare i bottoni. Era molto forte. L’uomo sospirò, abbandonandosi al fieno e all’odore e alla luce sospesa che filtrava nella stalla come miele guasto. “Dopo il cibo, il sesso. Ecco cosa mi sta regalando il terremoto. Le cose brutte si vedranno poi. Le cose brutte trionfano sempre, qualsiasi cosa accada, e chi se ne frega” rifletteva senza costrutto, un sordo pulsare nei lombi. La ragazza si tolse la maglia, e scoprì il seno florido. Poi si calò i pantaloni. Aveva cosce ampie, e l’uomo temette di non farcela a soddisfarla. “Chi se ne frega” pensò. “Sono un terremotato. Ho perso la moglie tre anni fa. Ho perso la casa stamattina, con quel che c’era dentro. Ho perso il posto in cui lavoravo. Ho perso tutto. Chi se ne frega di lei, di questa troia di campagna.” Poi la ragazza si slacciò il reggiseno e le areole del seno, che sporgeva di lato tant’era grande, parvero gigantesche pupille rosa, fisse e vuote, sinistramente somiglianti a quelle del padre e del fratello. Rimasta in mutandine gli fu sopra, col pube contro la faccia di lui e le cosce ai lati, imprigionandolo e coprendo tutto con la sua mole. Gli disse ancora, dominandolo da sopra la sporgenza gonfia delle mammelle: “Non preoccuparti, stai tranquillo e fidati di me.”

L’uomo si fidò.

Uscirono mezz’ora dopo. La ragazza era tornata indifferente. L’uomo si sentiva sfinito ma felice. Solo quando s’affacciò fuori dal capanno l’idea del terremoto tornò a possederlo. Seguì la ragazza accanto alle vacche, e il fratello di lei l’apostrofò, sbucando da dietro una groppa pelosa: “Bravo! Ti sei divertito? Bravo! Bravo! Bravo!” Era rosso in volto, e gli occhi baluginavano un risentimento antico. L’uomo non rispose, e la ragazza nemmeno si voltò. Sbucarono sul cortile di terra. La tavola dove avevano fatto colazione non c’era più, e dei genitori della ragazza neppur l’ombra.

“Te l’avevo detto che mio padre si sarebbe dimenticato” disse la ragazza all’uomo.

“Io vado via” disse l’uomo, sentendosi assurdamente triste.

“Lo so” ribatté la ragazza.

“Non ti dispiace?” lui le domandò.

“No.”

Lui esitò, come un bambino. “Ti è piaciuto?”

Lei sorrise, ma stavolta dolcemente. “Ti sei comportato bene” disse.

“Allora vado.”

“Vai.”

“Grazie di tutto.”

“Ah sì?” replicò la ragazza, incrociando le braccia sul petto.

“Sì, senza scherzi.”

“E di cosa, in particolare?”

“Beh, del ciambellone. E del resto.”

“Era buono?”

“Il resto?”

“No. Il ciambellone.”

“Sì. Buonissimo.”

“Sono contenta.”

“Anch’io.” L’uomo non riusciva a star fermo. Spostava il peso del corpo da un piede all’altro. “E dove t’iscriverai, all’università?” le chiese.

“Ancora non lo so.”

“Certo, è presto. E poi, con quello che è successo.”

La ragazza tacque.

“Magari potrei venirti a trovare, qualche volta.”

La ragazza tacque.

“Potremmo andare a cena fuori. Potrei ricambiare l’ospitalità.”

Ma ella taceva.

“Beh sì, insomma, senza offesa. Non intendevo offenderti. In alcun modo. Io ti rispetto.”

Ella taceva sempre, le braccia conserte.

L’uomo le porse la mano. “Salutami i tuoi, e ringraziali.”

“Sì?” La ragazza sorrideva, negli occhi un riflesso ligneo, superiore.

“Sì.”

“Bene.”

“Allora vado.” L’uomo aprì lo sportello.

“Ciao” disse lei, dopo avergli stretto la mano.

“Ciao” ribatté l’uomo. Montò in auto, accese il motore e partì lentamente, stanco e sudato. Osservò la ragazza ferma a bordo strada rimpicciolire poco a poco nello specchietto retrovisore. Gli parve assurdo che potesse diventare così piccola. Soltanto in un secondo momento si rese conto che nello specchietto, più giù, galleggiava anche la città, un cumulo fumante. Poi, alla prima curva, l’immagine della ragazza nello specchietto sparì. All’uomo venne voglia di piangere, e per distrarsi cercò una liquirizia; aprì lo stipetto e ne prese una dalla confezione; s’avvide allora del portafogli in disordine nello stipetto. Ne verificò il contenuto, guidando con la sola mano sinistra; i documenti c’erano, ma i seicento euro che aveva racimolato in fretta fuggendo di casa no. “Il terremoto dà e il terremoto toglie” rifletté con amarezza. La strada dopo una cinquantina di metri di salita ripida svoltava a destra, diveniva pianeggiante e passava sopra la cascina. L’uomo poté vedere che fratello e sorella discutevano animatamente vicino alla stalla, presso le mucche, lui scomposto e gracile, lei pacata pur nella concitazione, una roccia di carne e visceri. Era chiaro che lui non avrebbe mai osato picchiarla, che non avrebbe osato sfiorarla nemmeno con un dito. Era chiaro chi dei due sarebbe sempre stato la vittima, e chi il carnefice. La città oramai pareva lontanissima, un incubo d’infanzia. “Mi dispiace” disse l’uomo a voce alta nella macchina. Ma non sapeva per chi dispiacersi.

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: