Disavventure con Lulu.com

by

di Stefano

Signor Giulio Mozzi, le rubo solo pochi minuti perché ritengo debba essere reso edotto di ciò che mi è accaduto con Lulu.com nel tentativo di reperire una copia del suo Le vostre mani, appese. Credo che le possa interessare (mi dispiacerebbe disturbarla invano) perché ho notato che in vibrisse si interroga periodicamente sulla validità di questo canale distributivo. A mio avviso del tutto deludente.

Qualche mese fa sono entrato in possesso della versione on-line de Il culto dei morti nell’Italia contemporanea che ho molto apprezzato (e apprezzo) per come tratta e mescola dei temi che sento vicini (poiché psichicamente ricorrenti nella mia vita fino a qualche anno fa), ma anche per la tecnica utilizzata (pur non essendo un addetto ai lavori). A tal proposito avrei voluto farle delle domande ma devierei noiosamente dall’oggetto di questa lettera.

Insomma, ho deciso di “conoscerla” meglio e di leggere Le vostre mani, appese. Curioso anch’io del servizio print-on-demand ho effettuato l’ordine intorno al 24 aprile di quest’anno pagando con carta di credito. La transazione è stata subito eseguita e contabilizzata.

Dopo un mese esatto invio una e-mail al servizio clienti per chiedere conto del (per me) ritardo nell’invio, mi viene risposto, testualmente: «Grazie per la tua mail. Se non ricevi il tuo ordine entro 6 settimane dalla data di spedizione, ti preghiamo volercelo segnalare. Ovviamente, in caso lo dovessi ricevere, facci sapere».

Bene, penso, mi metto l’animo in pace e rimprovero la mia impazienza, anche se sospetto che sul sito, al momento dell’ordine, erano indicati ben più ristretti tempi di spedizione.

Dopo un altro mese però, il 28 giugno, chiedo novità non avendo ricevuto alcunché. Mi si risponde il giorno dopo: «Grazie per la tua mail. Controlliamo se il tuo ordine è tornato al mittente e ti faremo sapere quanto prima».

Attendo. Non arriva nulla. Il 9 luglio mi informano che: «Il tuo ordine è stato rimborsato. Se vuoi puoi fare un nuovo ordine di questo articolo. Ci scusiamo vivamente per l’inconveniente e ti ringraziamo per la tua pazienza». Rispondo subito chiedendo spiegazioni: perché l’ordine mi è stato rimborsato? Io volevo il libro! Risulta spedito? E’ tornato al mittente? Cos’è successo?

La risposta (siamo al 13 luglio…) è, a suo modo, un capolavoro di comicità surreale: «Grazie per la tua email. Il tuo ordine è stato rimborsato perché non ti è mai arrivato. Se vuoi puoi emettere un nuovo ordine, non credo sarai ancora cosi’ sfortunato da non riceverlo».

Anche se dalla lunghezza di questa e-mail sembrerebbe il contrario sono rimasto senza parole…

Non mi dilungo ulteriormente, avevo solo voglia di trasmetterle la mia testimonianza ed eventualmente raccogliere le sue riflessioni sull’argomento.

Le auguro buon lavoro e tante buone cose.

[Pubblico la lettera con il permesso dell’autore, che mi ha chiesto di non pubblicare il nome completo. L’unica riflessione che posso fare, al momento, è che Lulu.com si è comunque comportata con molta cortesia. gm]

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: