Modernità di Carlo Coccioli

by

di Roberto Paglialonga

[Questo articolo è apparso in L’Occidentale].

Interrogarsi sul senso dell’esistenza è interrogarsi su Dio. E’ approssimarsi all’Eterno nell’eterna tensione tridimensionale dei primordi umani: corpo anima, mente. Forza, sentimento, ragione: uno slancio senza approdo per capire la propria essenza, che è identità e vita.

Davide, il capolavoro di Carlo Coccioli, è un’invocazione crescente e una richiesta d’aiuto al cielo fin dall’“Ascolta” che ne avvia la parabola. Pubblicato nel 1976, a lungo introvabile a causa delle logiche del commercio e del marketing, nonché dell’ottusità della nostra casta intellettual-benpensante, il romanzo è ora stato meritoriamente ristampato dall’editore Sironi di Milano, grazie alla cura di Giulio Mozzi, che promette di ridare presto vita a tutta l’opera dello scrittore livornese, morto nel 2003 all’età di 83 anni.

Ma chi è Davide, il re d’Israele? Davide è l’unto dal Signore, il prescelto, il portatore di una storia e di una tradizione, seminatore di un futuro increato, su cui Dio ha voluto fondare la Santa Alleanza e costruire la propria potenza, l’Io che dà del Tu all’Eterno, l’ama, lo teme, l’innalza, lo delude. Davide sono io. Davide è ciascuno di noi.

Continua a leggere….

Tag: ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: