La donna ideale (formula)

by

Clicca sulla formula per leggere le spiegazioni. La prossima, domani. gm

Tag:

3 Risposte to “La donna ideale (formula)”

  1. antoniolatrippa Says:

    Spiegazioni non ne vedo, ne’ qui ne’ nel sito cui viene fatto riferimento.
    Viene in ogni caso solo riportata la formula, senza alcun modo di collegare i nomi delle variabili che vi intervengono con misure di grandezze fisiche (o con valutazioni qualitative in qualche modo parametrizzate).
    Insomma, che cosa vuol dire quella sequenza di simboli?
    Se lo si sapesse, quasi certamente credo verrebbe spontaneo il pensare a quanto arrivi la stupidita’ umana pur di colpire, in qualche modo, l’attenzione di molti.
    (E, insieme, si riacutizzerebbe la pena per il perdurare di un modo vergognoso di pensare alle donne).

  2. Ausilio Bertoli Says:

    Giulio, ho visto e letto tutto sulle “donne ideali” del post. Ma non posso non riportare quanto scrisse il filosofo Remo Cantoni oltre trent’anni fa sulla necessità di saper ridere. Perché queste donne ideali mi fanno veramente ridere. (Al contrario, qualcuno riderà per non piangere. Peggio per lui).
    Ebbene, Cantoni scrisse che saper ridere è un’arte e chi non la possiede manca di elasticità mentale e di libertà interiore. “Gli uomini che non si abbandonano mai al riso e al sorriso, impermeabili al comico, non disponibili per l’ironia e lo humour, riescono noiosi e insopportabili nella loro musoneria e finiscono per screditare lo stesso mondo della serietà”.
    Del resto, il riso è o no una necessità vitale per il nostro equilibrio psichico che spesso è messo in pericolo da una troppo continuata e unilaterale persistenza nel mondo severo della serietà?
    Grazie dello spazio e del post, A. B.

  3. andrea barbieri Says:

    Le variabili della formula saranno le solite: altezza peso vita fianchi percentuale di grasso corporeo ecc.
    Queste formule le ottengono empiricamente e non sono affatto diverse dal classico 90-60-90 che generalmente non stupisce nessuno. Sono cose che esistono ormai anche per gli uomini.

    La formula che posta Giulio è interessante innanzitutto perché è un tipo di linguaggio che rappresenta una donna (in fondo uno scrittore potrebbe utilizzare quella formula come personaggio no?). Poi, è una formula talmente complicata da risultare comica.

    Lo humor l’ironia i giochi di parole sono cose serissime, e il filosofo sopra, contrapponendo le prime alla serietà, secondo me prendeva una cantonata (:-D)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...