Profitto

by

Scrivevo il 18 aprile 2005, qui:

[…] Io oggi lavoro per una casa editrice. Questa casa editrice ha come suo fine il profitto. La cosa mi è molto chiara. Mi è molto chiaro che se la casa editrice riterrà, a un certo punto, che il mio lavoro non porti un decente profitto, il mio lavoro finirà. Mi è molto chiaro che, se il mio lavoro porterà alla casa editrice un decente profitto, il mio lavoro continuerà. Mi è molto chiaro che ci sono buoni libri che non portano profitto e buoni libri che portano profitto. Mi è molto chiaro che, una volta pubblicato un libro, riuscirò a promuoverlo, e quindi a farlo effettivamente leggere, solo se troverò delle alleanze. Mi è molto chiaro che le alleanze sono di diversi tipi: ci sono alleanze che si fondano solo sul libero giudizio, altre che si fondano sull’interesse, e altre che si fondano su un giudizio non del tutto libero e su un interesse non del tutto determinante. […]

Tag:

2 Risposte to “Profitto”

  1. cletus Says:

    sul punto, istruttivo l’articolo a firma Gian Arturo Ferrari “Bestseller voluti e no” uscito sull’inserto del Sole24ore di domenica 24 maggio. (che purtroppo non riesco a trovare in rete)

  2. cletus Says:

    trovati un paio di link:

    http://bibliogarlasco.blogspot.com/2009/05/bestseller-voluti-e-no.html

    e

    http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/fieralibro/200905articoli/43862girata.asp

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: