Sempre si more

by

Mobile ordegno di dentate rote
lacera il giorno e lo divide in ore,
ed ha scritto di fuor, con fosche note,
a chi legger le sa: Sempre si more.

Mentre il metallo concavo percote,
voce funesta mi risuona al core,
né del fato spiegar meglio si puote
che con voce di bronzo il rio tenore.

Perch’io non speri mai riposo o pace
questo, che sembra in un timpano e tromba,
mi spinge ognor contro all’età vorace.

E con quei colpi, onde il metal rimbomba,
affretta il corso al secolo fugace
e, perché s’apra, ognor picchia a la tomba.

Testo completo.

Tag:

Una Risposta to “Sempre si more”

  1. Bandini Says:

    Che meraviglia. Scaricato subito. Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...