Testamento biologico

by

di giuliomozzi

[Ripubblico qui il “testamento biologico” che pubblicai in vibrisse undici mesi fa. Ricordo che in vibrissebollettino.net (qui) e in Il primo amore (qui) sono pubblicati altri “testamenti biologici” e vari articoli sull’argomento. gm]

Ho quarantott’anni e, sinceramente, spero di arrivare alla morte in condizioni decenti. Il dizionario di Tullio De Mauro, alla voce “decenza”, dice: “Convenienza, decoro, pudore rispetto alle esigenze etiche della collettività”. Quando penso alla decenza, invece, io penso alle “esigenze etiche” mie proprie. Quali siano queste mie “esigenze etiche”, io solo lo so: e non lo so ora per allora (un “allora” futuro), ma lo so in ciascun momento per quel momento. E’ possibile, peraltro, che io mi possa trovare, in un certo momento della mia vita, nell’incapacità di stabilire quali siano le mie “esigenze etiche” in quel preciso momento. Perciò – è questo il testamento – dico e dichiaro, qui e pubblicamente, che desidero che in quel certo momento possano decidere, abbiano il diritto e il dovere di decidere, in mio nome, quali siano le mie “esigenze etiche”, le persone che mi amano.

Sospetto che “le persone che mi amano” non sia una definizione precisa – dal punto di vista giuridico. Credo che questa difficoltà sia inevitabile. Credo che la legge possa dire solo cose del tipo: che decida in mio nome la persona a me unita in matrimonio (o in altro tipo di unione), il parente più stretto, eccetera. Non mi dispiacerebbe però se, piuttosto che la legge, la consuetudine o la giurisprudenza conducessero a individuare la persona, o le persone, che possa o possano decidere, in quel certo momento, quali siano le mie “esigenze etiche”. Peraltro, sarei portato a pensare che il diritto e il dovere di decidere quali siano le mie “esigenze etiche” spetti semplicemente a chi scelga di prendersi la responsabilità di decidere quali siano le mie “esigenze etiche”. Credo che il fatto stesso che una persona sia disponibile ad addossarsi tale responsabilità (con tutti i rischi legali, sociali, morali eccetera che ciò comporta) basti a identificare questa persona come persona che mi ama.

Non sono sicuro di tutto questo, e non sono sicuro di averlo detto bene. Prendete le parole del secondo capoverso come un tentativo provvisorio. Se qualcuno vuole e può aiutarmi a formulare con più giustizia e più precisione, lo ringrazio.

Ho detto prima che quando penso alla “decenza” penso alle “esigenze etiche” mie proprie. Difatto, per ora, è così. Ho il sospetto, tuttavia, che se penso solo alle “esigenze etiche” mie proprie forse penso solo a metà. Non sono solo al mondo. Tutta la mia vita è intrecciata a tante altre vite. Mi domando: le “esigenze etiche” mie, e quelle delle persone alla cui vita è intrecciata la mia vita, in che maniera si intrecciano? In che modo diventano “esigenze etiche” condivise?

La parola “esigenze”, poi, mi convince poco: come se l’etica fosse un fatto di esigenze (“esigenza”: “ciò che si richiede a tutela di un diritto o di un interesse o per propria convenienza” – sempre il De Mauro), e non invece (o almeno: anche; e piuttosto: soprattutto) un fatto di desideri (“desiderio”: “intenso moto dell’animo che spinge a voler ottenere o realizzare qualcosa che si considera un bene”).
Mi piacerebbe, ecco, morire in modo da ottenere o realizzare un bene. E se in quel momento io fossi incapace di agire, decidere o parlare, mi piacerebbe se, nell’accompagnarmi alla morte, le persone che mi amano fossero guidate dal desiderio di ottenere o realizzare un bene.

Vorrei morire come una creatura.

(E se spettasse a me, di prendermi la responsabilità di decidere sulla decenza del morire – ossia sul desiderio etico nel momento del morire – di una persona che amo? E se spettasse a voi?).

Il mio testamento è questo: credo che chiunque deciderà per me, deciderà per amore; e sarà responsabile della sua decisione. (“Decidere per amore” e “essere responsabili”: due modi, mi pare, di dire la stessa cosa).

Tag:

Una Risposta to “Testamento biologico”

  1. clelia pierangela pieri Says:

    morire come una creatura
    amata
    rispettata

    per chi è munito di una minima onestà interiore, non manca nulla.
    grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...